www.vatican.va

Back Top Print Pdf


DALLE CHIESE ORIENTALI, 25.06.2011


DALLE CHIESE ORIENTALI

NUOVO VESCOVO DELLA CURIA PATRIARCALE DI ANTIOCHIA DEI MARONITI 

Il Patriarca di Antiochia dei Maroniti, Sua Beatitudine Béchara Pierre Raï, con il consenso del Sinodo della Chiesa Maronita, dopo aver informato la Sede Apostolica, ha trasferito a norma del can. 85 § 2 del Codice dei Canoni delle Chiese Orientali S.E. Mons. Paul Nabil El-Sayah, al presente Arcivescovo di Haïfa dei Maroniti ed Esarca Patriarcale di Gerusalemme, Palestina e Giordania a Vescovo della Curia Patriarcale, Il Santo Padre ha conservato al Presule il titolo di Arcivescovo "ad personam".

 S.E. Mons. Paul Nabil El-Sayah

S.E. Mons. Paul Nabil El-Sayah è nato il 26 dicembre 1939 ad Aïn El-Kharroubeh, nell’Arcieparchia di Antélias dei Maroniti.

Ha studiato nel Seminario di Ghazir prima di frequentare gli studi di Filosofia all’Università St Joseph di Beirut. Ha studiato Teologia in Irlanda dove ha ottenuta la Licenza.

È stato ordinato sacerdote il 6 agosto 1967.

In seguito è stato nominato vice-parroco di St Jean-Baptiste a Baouchrieh (Beirut) e di Ste Tècle a Jall-Eddib. Durante la sua permanenza alla parrocchia Notre-Dame des Cèdres (Boston-USA) dove era vice-parroco, ha conseguito un Dottorato in Educazione. Dal 1975 al 1984, è stato Rettore della St Joseph School. Dal 1984 al 1989 ha ricoperto l’incarico di Vice-decano della BUC-Notre-Dame di Louaizé. Mentre ricopriva l’incarico di Professore alla Beirut University College, aiutava il parroco di St Abda a Bikfaya. È stato nel contempo Segretario aggiunto del Consiglio delle Chiese del Medio-Oriente e Segretario della sezione Fede e Unità nel medesimo Consiglio.

Il Sinodo della Chiesa Maronita l’ha eletto l’8 giugno 1996 alla Sede Arcivescovile di Haïfa e ad Esarca Patriarcale di Gerusalemme, Palestina e Giordania. Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 5 ottobre dello stesso anno.

Nel 2010, è stato incaricato di condurre una Visita Apostolica del Ordine Libanese Maronita.

Il 6 giugno 2011 è stato trasferito a Vescovo di Curia dal Sinodo Maronita.

Oltre l’arabo parla il francese e l’inglese.

[01011-01.01]