www.vatican.va

Back Top Print Pdf


PRESS RELEASE OF THE HOLY SEE AT THE BEGINNING OF THE APOSTOLIC VISITATION IN IRELAND, 12.11.2010


PRESS RELEASE OF THE HOLY SEE AT THE BEGINNING OF THE APOSTOLIC VISITATION IN IRELAND

PRESS RELEASE

TRADUZIONE IN LINGUA ITALIANA

PRESS RELEASE

On March 19, 2010, following a meeting with the Bishops of Ireland, His Holiness Pope Benedict XVI issued a Pastoral Letter to the Catholics in Ireland. The Letter expressed his deep sorrow and regret regarding abuse perpetrated by priests and religious and the way in which such cases had been responded to in the past. It also called for an Apostolic Visitation of certain dioceses in Ireland, as well as seminaries and religious congregations. "Pastoral in nature, the Visitation ‘is intended to assist the local Church on her path of renewal’ (Pastoral Letter of Pope Benedict XVI to the Catholics of Ireland) and is a sign of the Holy Father’s desire, as the Successor of Peter, to offer his pastoral solicitude to the Church in Ireland (Vatican Press Release, October 6, 2010.)

In the months following the publication of the letter, preparatory meetings were held with the appointed Visitators, representatives from the Holy See, the Irish Episcopate and the Conference of Religious Superiors of Ireland (CORI) in order to lay out a clear plan for the Visitation.

The Visitation will identify whether the mutual relationship of the various components of the local Church, seminaries and religious communities is now in place, in order to sustain them on the path of profound spiritual renewal already being pursued by the Church in Ireland. It also has the goal of verifying the effectiveness of the present processes used in responding to cases of abuse and of the current forms of assistance provided to the victims. It will not be an investigation into individual cases of abuse nor a trial to judge past events. The Visitators will have to identify the explicit problems which may require some assistance from the Holy See.

The Visitation will in no way interfere with the ordinary activity of local magistrates, nor with the activity of the Commissions of Investigation established by the Irish Parliament nor with the work of any legislative authority, which has competence in the area of prevention of abuse of minors. The Visitation does not seek to replace the legitimate authority of the local Bishops or Religious Superiors, who maintain responsibility in the handling of cases of abuse.

It is important to remember that the Visitators are not expected to receive allegations of new or old cases of abuse. If any were to arise, such allegations must be reported to the respective Ordinaries or Major Superiors who have the duty to inform the competent civil and ecclesiastical authorities, in conformity with the current civil and ecclesiastical laws.

Regarding the Visitation of the Four Metropolitan Archdioceses

As previously announced, the Visitators of the four Irish Metropolitan Archdioceses will be: His Eminence Cardinal Cormac Murphy-O’Connor for Armagh; His Eminence Seán P. O’Malley, O.F.M. Cap. for Dublin ; the Most Reverend Thomas C. Collins for Cashel and Emly; the Most Reverend Terrence T. Prendergast, S.J. for Tuam. The Visitators may bring with them some people, approved by the Congregation for Bishops, who can serve as assistants.

In respect of and in conformity with local civil law, the Visitators will make themselves available to meet with those who have been deeply wounded by abuse and who wish to be met and heard, beginning with the victims themselves and their families. They will be received in the same fatherly manner in which the Holy Father, Pope Benedict XVI, has on several occasions greeted and listened to those who have suffered the terrible crime of abuse.

The Visitators will monitor how well the guidelines of Safeguarding Children, Standards and Guidance Document for the Catholic Church in Ireland, commissioned and produced in February 2009 by the National Board for Safeguarding Children in the Catholic Church, are functioning and how they may be better implemented and improved.

The Visitators may also meet with the other Bishops of the Province, and they should listen to, besides the local Ordinary, the Vicar General, the Episcopal Vicars, the Judges of the Ecclesiastical Tribunal, the Chancellor and other officials of the Curia, members of the Presbyteral Councils, members of the College of Consultors and of Pastoral Councils and, above all, those responsible for the Office of Protection and Prevention of Abuse at the diocesan and parish level. Finally, Pastors and other priests, the lay faithful and individual men and women who wish to be received by the visiting Prelates may request this in writing. The Visitators will meet people individually or as a family.

If possible, it is recommended that each Archdiocese, embracing the penitential sentiments expressed by the Holy Father in his Letter, organize a Penitential service or some other similar gathering in the presence of the Visitator with the approval of the local Ordinary. This will correspond with the penitential activities already promoted by the Irish Episcopal Conference, which include prayer, fasting and almsgiving.

With the aim of ensuring confidentiality, all those who wish to write to the Visitators should address letters to them by name using the mailing address of the Apostolic Nunciature.

In order to facilitate access for those who would like to meet with them, the address of the respective Visitator will be communicated by the Archdiocese. In coordination with each Visitator, their availability, the days they are already occupied and those still available for meetings with various people will be communicated.

Regarding the Visitation to the Irish Seminaries

The Apostolic Visitator for the Irish Seminaries is the Most Reverend Timothy M. Dolan, Archbishop of New York. He will be assisted by some clerics, approved by the Congregation for Catholic Education, whose main duty will be to help to conduct the one-to-one interviews with the seminarians.

Archbishop Dolan will visit 5 institutions: St. Patrick’s College, Maynooth; the Pontifical Irish College, Rome; Saint Malachy’s College, Belfast; All Hallows College, Dublin; Milltown Institute of Theology and Philosophy, Dublin (this will be visited only in regard to its academic programmes).

Prior to each Visitation, the Visitator will receive copies of all necessary documentation. Moreover, each staff member and student will be granted the possibility to express to the Visitator in a signed statement his opinion about the seminary. Such letters should be addressed to the Visitator using the mailing address of the Apostolic Nuntiature.

The Visitator will examine all aspects of priestly formation. He, or his assistants, will conduct private interviews with all staff members, all seminarians and, where applicable, other parties normally involved in the life of the seminary. It is not his task to meet with victims of abuse who, as noted above, may be instead received by the Visitators of the four Metropolitan Archdioceses. Furthermore, each priest who has graduated from the seminary in the previous three years will be given the opportunity for a private interview.

In conducting his examination of each institution, the Visitator will follow the directives set out by the documents of the Holy See and of the local Church concerning priestly formation and the protection of minors.

Regarding the Visitation to Religious Houses

Sr. Sharon Holland, I.H.M., Fr. Robert Maloney, C.M., Sister Máirin McDonagh, R.J.M. and Fr. Gero McLoughlin, S.J. have been appointed to serve as Apostolic Visitators of those Institutes of Consecrated Life and Societies of Apostolic Life with houses in Ireland.

The first phase of this Visitation will consist in responding to a Questionnaire which seeks information regarding the involvement of Institutes in cases of abuse, the responses offered to victims, and the compliance of the Institute with the protocols contained in Safeguarding Children, Standards and Guidance Document for the Catholic Church in Ireland. The Questionnaire also seeks to ascertain how each community is dealing with the revelations and their consequences. Additionally it asks what is being done, in the light of past experiences, to assist members in their primary mission of radically witnessing to Christ's presence in the world.

The Visitators will meet afterwards to assess the responses to the Questionnaire. They will then make recommendations to the Congregation for Institutes of Consecrated Life and Societies of Apostolic Life regarding the next steps to be taken in the Visitation process.

When the Apostolic Visitation is complete, the Visitators will submit their findings to the Congregation for Institutes of Consecrated Life and Societies of Apostolic Life. After having carefully studied the Report of the Visitators, the Congregation will determine what further steps should be taken to contribute to a revitalization of consecrated life in Ireland.

Conclusion

Given the delicate nature of the subject matter and out of respect for persons involved, the Visitators will exercise great discretion and will not grant interviews during the first phase of the Visitation.

The Congregations for Bishops, for Institutes of Consecrated Life and for Catholic Education concur with the Secretariat of State that the first phase of the Visitation - the inquiry concerning the four Metropolitan Archdioceses, Religious Houses and Seminaries - should be completed if possible by next Easter 2011. At that time the Visitators should submit the results of their enquiries so that they can be studied during the month of May and a plan for moving forward can be discussed. Then the Holy See will announce, with a proper Statement, the next steps that have to be taken.

When the Visitation is complete, the Holy See, after reviewing all the material submitted by the Visitators and offering suggestions for the spiritual renewal of the Archdioceses, Seminaries and Religious Houses, will issue a comprehensive summary of the results of the Visitation.

 

[01598-02.01] [Original text: English]

 

TRADUZIONE IN LINGUA ITALIANA

 Comunicato della Santa Sede per l’inizio della Visita Apostolica in Irlanda

Il 19 marzo 2010, facendo seguito ad un incontro con i Vescovi d’Irlanda, Sua Santità Papa Benedetto XVI inviò una Lettera Pastorale ai Cattolici di Irlanda. La lettera esprimeva profondo dolore e rammarico a motivo degli abusi commessi da sacerdoti e religiosi e del modo in cui tali situazioni erano state affrontate nel passato. In essa, inoltre, si annunciava una Visita Apostolica ad alcune Diocesi in Irlanda, così come ai Seminari e agli Istituti religiosi. "Per sua natura pastorale, la Visita «si propone di aiutare la Chiesa locale nel suo cammino di rinnovamento» (Lettera Pastorale di S.S. Benedetto XVI ai Cattolici dell’Irlanda) ed esprime il desiderio del Santo Padre, quale Successore di Pietro, di offrire la propria sollecitudine pastorale alla Chiesa in Irlanda" (Comunicato della Sala Stampa, 6 ottobre 2010).

Nei mesi successivi alla pubblicazione della Lettera, hanno avuto luogo incontri preparatori fra i Visitatori nominati, rappresentanti della Santa Sede, Episcopato irlandese e Conferenza dei Superiori Religiosi d’Irlanda (CORI), al fine di delineare un chiaro piano per la Visita.

La Visita verificherà se i rapporti reciprocamente esistenti fra le varie componenti della Chiesa locale, i seminari e le comunità religiose, siano tali da sostenerle nel cammino di profondo rinnovamento spirituale già perseguito dalla Chiesa in Irlanda. Essa ha anche l’obiettivo di verificare l’efficacia delle procedure seguite al presente nel rispondere ai casi di abuso e delle forme di assistenza attualmente offerte alle vittime. La Visita non sarà un’indagine circa casi individuali di abuso, né un processo per giudicare eventi del passato. I Visitatori dovranno identificare i problemi specifici che possano richiedere una qualche assistenza da parte della Santa Sede.

La Visita non interferirà in alcun modo con l’ordinaria attività delle autorità giudiziarie, né con l’attività delle Commissioni di inchiesta stabilite dal Parlamento irlandese, né con il lavoro di qualsiasi autorità legislativa che abbia competenza nel campo della prevenzione dell’abuso sui minori. La Visita non intende sostituirsi alla legittima autorità dei Vescovi locali o dei Superiori Religiosi, che mantengono la propria responsabilità nella gestione dei casi di abuso.

È importante segnalare che non è previsto che ai Visitatori siano indirizzate denunce di casi nuovi o vecchi di abusi. Se ce ne fossero, esse devono essere riportate ai rispettivi Ordinari o Superiori Maggiori, che hanno il dovere di informare l’autorità civile ed ecclesiastica competente, in conformità con le vigenti leggi civili ed ecclesiastiche.

Circa la Visita delle quattro Arcidiocesi metropolitane

Come annunciato in precedenza, i Visitatori delle quattro Arcidiocesi Metropolitane d’Irlanda saranno: Sua Eminenza il Card. Cormac Murphy-O’Connor, per Armagh; Sua Eminenza il Card. Seán P. O’Malley, O.F.M. Cap., per Dublino; S.E. Mons. Thomas C. Collins per Cashel and Emly; S.E. Terrence T. Prendergast, S.J., per Tuam. I Visitatori potranno portare con sé delle persone, approvate dalla Congregazione per i Vescovi, in qualità di assistenti.

Nel rispetto e in conformità con la legge civile del luogo, i Visitatori si renderanno disponibili ad incontrare quanti sono stati profondamente feriti da abusi e vogliono essere incontrati ed ascoltati, iniziando dalle vittime stesse e dalle loro famiglie. Essi saranno ricevuti nella stessa maniera paterna con cui il Santo Padre, Papa Benedetto XVI, in più occasioni ha ricevuto e ascoltato quanti hanno subito il terribile crimine di abuso.

I Visitatori verificheranno come stiano funzionando le linee guida del documento "Safeguarding Children, Standards and Guidance Document for the Catholic Church in Ireland", commissionato e prodotto nel febbraio 2009 dal "Consiglio Nazionale per la Salvaguardia dei Minori nella Chiesa Cattolica", e in che modo possano essere meglio applicate e migliorate.

I Visitatori potranno anche incontrare i Vescovi della Provincia ecclesiastica e dovranno sentire, oltre all’Ordinario del luogo, il Vicario Generale, i Vicari Episcopali, i Giudici del Tribunale ecclesiastico, il Cancelliere e gli altri Officiali della Curia, membri del Consiglio presbiterale, membri del Collegio dei consultori e dei Consigli pastorali e, soprattutto, i responsabili, a livello diocesano e parrocchiale, dell’Ufficio di Protezione e Prevenzione degli abusi. Infine, i parroci e gli altri sacerdoti, i fedeli laici e singoli uomini e donne che desiderino essere ricevuti dai Visitatori, possono richiederlo per iscritto. I Visitatori incontreranno le persone singolarmente o come famiglia.

Se possibile, si raccomanda che ciascuna Arcidiocesi, facendo propri i sentimenti di penitenza espressi dal Santo Padre nella sua Lettera, organizzi una celebrazione penitenziale o qualche altro raduno simile, alla presenza del Visitatore, con l’approvazione dell’Ordinario del luogo. Ciò corrisponderà alle attività penitenziali già promosse dalla Conferenza Episcopale Irlandese, che includono preghiera, digiuno ed opere di carità.

Nell’intento di assicurare la riservatezza, tutti coloro che vogliono scrivere ai Visitatori dovranno indirizzare la corrispondenza a loro nome, utilizzando l’indirizzo postale della Nunziatura Apostolica.

Al fine di facilitare l’accesso a quanti si vogliano incontrare con loro, ciascuna Arcidiocesi comunicherà la residenza dei rispettivi Visitatori. D’intesa con ciascun Visitatore, verrà comunicata la loro disponibilità, i giorni in cui sono già occupati e quelli ancora disponibili per incontri con le varie persone.

Circa la Visita ai Seminari irlandesi

Il Visitatore Apostolico per i Seminari irlandesi è S.E. Mons. Timothy M. Dolan, Arcivescovo di New York. Egli sarà assistito da alcuni chierici, approvati dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica, il cui compito principale sarà di aiutare nel condurre i colloqui con i singoli seminaristi.

S.E. Mons. Dolan visiterà cinque istituzioni: il "St. Patrick’s College" di Maynooth, il Pontificio Collegio Irlandese di Roma, il "Saint Malachy College" di Belfast; lo "All Hallows College" di Dublino e il "Milltown Institute of Theology and Philosophy" di Dublino (per quest’ultimo la visita riguarderà unicamente i programmi accademici).

Prima di ciascuna Visita, il Visitatore riceverà copia di tutta la documentazione necessaria. Inoltre, sarà data la possibilità ad ogni formatore e studente di esprimere la propria opinione sul Seminario mediante una dichiarazione firmata. Tali lettere dovranno essere indirizzate al Visitatore utilizzando l’indirizzo postale della Nunziatura Apostolica.

Il Visitatore esaminerà tutti gli aspetti della formazione sacerdotale. Egli, o i suoi assistenti, condurrà colloqui individuali con tutti i membri dell’equipe formativa, con tutti i seminaristi e, laddove possibile, con le altre parti normalmente coinvolte nella vita del seminario. Non è suo compito incontrare vittime di abusi, le quali, come indicato sopra, potranno invece essere ricevute dal Visitatore delle quattro Arcidiocesi Metropolitane. Inoltre, sarà data l’opportunità di un colloquio individuale a ciascun sacerdote che abbia concluso gli studi nei precedenti tre anni.

Nel condurre il suo esame di ciascuna istituzione, il Visitatore seguirà le direttive enunciate dai documenti della Santa Sede e della Chiesa in Irlanda riguardanti la formazione sacerdotale e la protezione dei minori.

Circa la Visita alle Case religiose

Suor Sharon Holland, I.H.M., Padre Robert Maloney, C.M., Suor Máirin Mc Donagh, R.J.M. e Padre Gero McLoughlin, S.J., sono stati nominati Visitatori Apostolici degli Istituti di Vita Consacrata e delle Società di Vita Apostolica con Case in Irlanda.

La prima fase di questa Visita consisterà nella risposta ad un questionario che cerca informazioni circa il coinvolgimento degli Istituti in casi di abusi, la risposta offerta alle vittime, e l’osservanza dei protocolli contenuti in "Safeguarding Children, Standards and Guidance Document for the Catholic Church in Ireland". Il questionario cerca anche di appurare come ogni comunità stia gestendo le rivelazioni dei casi e le loro conseguenze. In più, esso chiede cosa sia stato fatto, alla luce delle esperienze del passato, per assistere i membri nella loro primaria missione di testimonianza radicale alla presenza di Cristo nel mondo.

I Visitatori si incontreranno in seguito per valutare le risposte al questionario. Essi quindi faranno delle raccomandazioni alla Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica circa i passi successivi da intraprendere nel contesto della Visita.

Una volta completata la Visita Apostolica, i Visitatori sottometteranno le loro conclusioni alla Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica. Dopo avere attentamente studiato la relazione dei Visitatori, la Congregazione determinerà quali passi ulteriori debbano essere presi per contribuire a rivitalizzare la Vita consacrata in Irlanda.

Conclusione

Attesa la delicata natura della materia in oggetto e a motivo del rispetto per le persone coinvolte, i Visitatori manterranno grande riservatezza e non concederanno interviste durante la prima fase della Visita.

Le Congregazioni per i Vescovi, per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica e per l’Educazione Cattolica, d’intesa con la Segreteria di Stato, concordano che la prima fase della Visita – l’inchiesta sulle quattro Arcidiocesi Metropolitane, le Case religiose ed i Seminari – debba essere completata possibilmente entro la Pasqua del 2011. In quel periodo i Visitatori dovranno sottomettere i risultati delle loro ricerche, in modo che essi possano essere studiati durante il mese di maggio e possa essere discusso un piano per il futuro. La Santa Sede renderà poi noti, con un apposito Comunicato, i passi successivi da intraprendere.

Una volta completata la Visita, dopo aver studiato tutto il materiale presentato dai Visitatori e aver offerto indirizzi per il rinnovamento spirituale delle Arcidiocesi, dei Seminari e delle Case religiose, la Santa Sede renderà nota una sintesi complessiva dei risultati della Visita.

[01598-01.01] [Testo originale: Inglese]

[B0697-XX.01]