www.vatican.va

Back Top Print Search



GARCÍA RODRÍGUEZ Card. Juan de la Caridad


GARCIA RODRIGUEZ

Il Cardinale Juan de la Caridad García Rodríguez, Arcivescovo di San Cristóbal de La Habana (Cuba), è nato a Camagüey l'11 luglio 1948 in una famiglia semplice, primo di sei figli.

Ancora adolescente è entrato nel seminario San Basilio Magno a El Cobre. Per un anno ha frequentato il seminario El Buen Pastor dell'Avana e ha poi completato la formazione teologica nel seminario San Carlos y San Ambrosio, sempre nella capitale.

Negli anni Settanta del secolo scorso, nonostante i controlli del regime castrista che vietava ai preti di predicare fuori dalle mura delle chiese, “padre Juanito” – come era chiamato familiarmente –  passava casa per casa nei villaggi a distribuire volantini scritti sempre con l'obiettivo di riaffermare i principi cristiani. Ha compiuto i primi passi del suo ministero nell'attuale diocesi di Ciego de Ávila – eretta da Giovanni Paolo II nel 1995 – ma anche a Morón e a Jatibonico. Nel 1989 è stato trasferito nella parrocchia di Florida, occupandosi allo stesso tempo di altre comunità vicine. È stato co-autore del devozionario popolare Los cubanos rezamos a Dios, oltre che fondatore e direttore della Escuela para Misioneros de la Diócesis.

Il 15 marzo 1997 Papa Wojtyła lo ha eletto alla sede titolare di Gummi di Proconsolare nominandolo Vescovo Ausiliare di Camagüey, dove ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 7 giugno dello stesso anno, nella chiesa di Nuestra Señora de la Merced, per le mani di Monsignor Adolfo Rodríguez Herrera, che già lo aveva ordinato presbitero. Ve y anuncia el Evangelio (“Vai e annuncia il Vangelo”) il suo motto episcopale.

Nel 1998 la diocesi di Camagüey è stata elevata al rango di sede metropolitana e il 10 giugno 2002 Monsignor Juan de la Caridad García Rodríguez è stato promosso Arcivescovo.

Nel 2006 ha presieduto la prima assemblea nazionale delle missioni, celebrata all'Avana. A febbraio dello stesso anno è stato eletto Presidente della Conferenza Episcopale Cubana e, in questa veste, ha partecipato nel 2007, ad Aparecida, alla quinta Assemblea generale dell'Episcopato latinoamericano e dei Caraibi. Nel 2007 è stato nominato membro del Pontificio consiglio della giustizia e della pace.

Come Arcivescovo di Camagüey, il 29 novembre 2008 ha accolto il Cardinale José Saraiva Martins, Prefetto emerito della Congregazione delle Cause dei Santi, per la beatificazione di José Olallo Valdés, il religioso dei Fatebenefratelli – primo cubano a essere proclamato beato nell'isola – che nell'Ottocento dedicò tutta la vita ad aiutare i poveri, gli schiavi e i diseredati. E ha anche avviato il processo per la beatificazione del suo predecessore alla guida dell'arcidiocesi, il servo di Dio Monsignor Adolfo Rodríguez Herrera.

Nei quattordici anni trascorsi come pastore a Camagüey ha rilanciato, tra l'altro, il seminario San Agustín e ha ripreso e sviluppato numerose opere al servizio dei più poveri. La stessa impronta pastorale si ritrova in questi primi tre anni trascorsi alla guida dell'arcidiocesi di San Cristóbal de La Habana, che gli è stata affidata da Francesco il 26 aprile 2016.

Attualmente è membro del Comitato permanente della Conferenza Episcopale Cubana e Presidente della Commissione nazionale della missione e della famiglia: in questa veste è stato eletto rappresentante dell'episcopato al Sinodo ordinario sulla famiglia nel 2014. E l'anno dopo – come già aveva fatto nel 1998 con Giovanni Paolo II e nel 2012 con Benedetto XVI – è stato tra i presuli che hanno accolto Papa Francesco durante il viaggio apostolico nell'isola caraibica.

Da Papa Francesco creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 5 ottobre 2019, del Titolo dei Santi Aquila e Priscilla.

È Membro:

  • della Congregazione per il Clero;
  • della Pontificia Commissione per l'America Latina.