www.vatican.va

Back Top Print Pdf


LE LETTERE CREDENZIALI DEGLI AMBASCIATORI DI: TRINIDAD E TOBAGO, GUINEA BISSAU, SVIZZERA, BURUNDI, THAILANDIA, PAKISTAN, MOZAMBICO, KYRGYZSTAN, ANDORRA, SRI LANKA, BURKINA FASO PRESSO LA SANTA SEDE, 15.12.2011


Alle ore 11 di questa mattina, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico Vaticano, il Santo Padre Benedetto XVI riceve in Udienza, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali, Le Loro Eccellenze le Signore e i Signori Ambasciatori di: Trinidad e Tobago, Guinea Bissau, Svizzera, Burundi, Thailandia, Pakistan, Mozambico, Kyrgyzstan, Andorra, Sri Lanka, Burkina Faso.
Di seguito pubblichiamo il discorso che il Papa rivolge ai nuovi Ambasciatori, nonché i cenni biografici essenziali di ciascuno:

 DISCORSO DEL SANTO PADRE AGLI AMBASCIATORI IN OCCASIONE DELLA PRESENTAZIONE COLLETTIVA DELLE LETTERE CREDENZIALI

Mesdames et Messieurs les Ambassadeurs,

C’est avec joie que je vous reçois ce matin au Palais apostolique pour la présentation des Lettres qui vous accréditent comme Ambassadeurs extraordinaires et plénipotentiaires de vos pays respectifs auprès du Saint-Siège : Trinité-et-Tobago, la République de Guinée-Bissau, la Confédération Suisse, le Burundi, la Thaïlande, le Pakistan, le Mozambique, le Kirghizstan, la Principauté d’Andorre, le Sri Lanka et le Burkina Faso. Vous venez de m’adresser des paroles courtoises de la part de vos Chefs d’État et je vous en remercie. Je vous saurais gré de leur transmettre en retour mes salutations déférentes et mes vœux respectueux pour leurs personnes et pour la haute mission qu’ils accomplissent au service de leur pays et de leur peuple. Je désire aussi saluer par votre intermédiaire toutes les autorités civiles et religieuses de vos nations, ainsi que l’ensemble de vos compatriotes. Mes prières et mes pensées se tournent naturellement aussi vers les communautés catholiques présentes dans vos pays.

L’unité de la famille humaine est aujourd’hui vécue comme un fait. En raison des moyens de communications sociales qui relient toutes régions de la planète les unes aux autres, des transports qui facilitent les échanges humains, des liens commerciaux qui rendent les économies interdépendantes, des défis qui prennent une envergure mondiale tels que la sauvegarde de l’environnement, l’importance des flux migratoires, les hommes ont compris qu’ils avaient désormais une destinée commune. À côté des aspects positifs, cette prise de conscience est parfois perçue comme un fardeau en ce sens qu’elle élargit considérablement le domaine de responsabilité de chacun, et qu’elle confère à la résolution des problèmes une complexité d’autant plus grande que les acteurs sont plus nombreux. Ceci ne peut être nié ; cependant, le regard de l’humanité sur elle-même doit évoluer pour découvrir dans cette interdépendance non pas une menace, mais un avantage : celui qu’ont les hommes à travailler les uns avec les autres, les uns pour les autres. Nous sommes tous responsables de tous, et il est important d’avoir une conception positive de la solidarité. Elle est le levier concret du développement humain intégral qui permet à l’humanité de marcher vers son accomplissement. En considérant tous les champs où la solidarité mérite de s’exercer, nous devons accueillir comme un signe positif de la culture actuelle, l’exigence, de plus en plus présente à la conscience de nos contemporains, d’une solidarité intergénérationnelle. Celle-ci trouve son enracinement naturel dans la famille, qu’il convient de soutenir pour qu’elle continue de remplir sa mission essentielle dans la société. Et en même temps, pour élargir le champ de la solidarité et la promouvoir durablement, l’éducation des jeunes est la voie privilégiée. Dans ce domaine, j’encourage chacun, quel que soit son niveau de responsabilité et particulièrement les gouvernants, à faire preuve d’inventivité, à prendre et à investir les moyens nécessaires pour donner à la jeunesse les bases éthiques fondamentales, notamment en l’aidant à se former, et à lutter contre les maux sociaux que sont le chômage, la drogue, la criminalité et le non-respect de la personne. La préoccupation pour le sort des générations futures conduit à une avancée significative dans la perception de l’unité du genre humain.

Il n’y a pas à craindre que cette responsabilité commune et partagée pour le bien du genre humain tout entier se heurte sans fin à la diversité culturelle et religieuse comme à une impasse. Le pluralisme des cultures et des religions ne s’oppose pas à la recherche commune du vrai, du bien et du beau. Éclairée et soutenue par la lumière de la Révélation, l’Église encourage les hommes à faire confiance à la raison qui, si elle est purifiée par la foi « l'élève, lui permettant ainsi d'élargir ses propres espaces pour s'insérer dans un domaine de recherche insondable comme le mystère lui-même » (Discours à l’occasion du Xe anniversaire de l’Encyclique Fides et ratio, 16.10.2008). Elle est alors capable de dépasser les conditionnements partisans ou intéressés, pour reconnaître les biens universels dont tous les hommes ont besoin. Parmi ces biens, la paix et l’harmonie sociale et religieuse tant désirées sont liées non seulement à un cadre législatif juste et adapté, mais aussi à la qualité morale de chaque citoyen car « la solidarité se présente sous deux aspects complémentaires : celui de principe social et celui de vertu morale » (Compendium de la Doctrine sociale de l’Église, n.193).

La solidarité remplit pleinement son rôle de vertu sociale lorsqu’elle peut s’appuyer à la fois sur des structures de subsidiarité et sur la détermination ferme et persévérante de chaque personne à travailler pour le bien commun, dans la conscience d’une responsabilité commune. Les nouveaux défis auxquels vos pays se trouvent aujourd’hui confrontés appellent certainement une mobilisation des intelligences et de la créativité de l’homme pour lutter contre la pauvreté et pour une plus efficace et plus saine utilisation des énergies et des ressources disponibles. Tant sur le plan individuel que politique, il s’agit de s’acheminer résolument vers un engagement plus concret et plus largement partagé à l’égard du respect et de la protection de la création. J’encourage donc vivement les autorités politiques de vos pays à œuvrer dans ce sens.

Enfin, faire croître la responsabilité de tous entraine aussi une vigilance active et efficace pour le respect et la promotion de la dignité humaine face à toute tentative de l’amoindrir, voire de la nier ou à une instrumentalisation de chaque personne. Une telle attitude contribuera à éviter à l’agir social de devenir trop facilement la proie d’intérêts privés et de logiques de pouvoir qui entrainent la désagrégation de la société et accentuent la pauvreté. C’est en s’appuyant sur la notion de développement intégral de la personne humaine que la solidarité pourra advenir et permettre davantage de justice. À cet égard, il revient non seulement aux religions de mettre en honneur la primauté de l’esprit, mais aussi aux États de le faire, notamment à travers une politique culturelle qui favorise l’accès de quiconque aux biens de l’esprit, valorise la richesse du lien social et ne décourage jamais l’homme de poursuivre librement sa quête spirituelle.

Alors que vous débutez votre mission auprès du Saint-Siège, je tiens à vous assurer, Excellences, que vous trouverez toujours auprès de mes collaborateurs l’écoute attentive et l’aide dont vous pourrez avoir besoin. Sur vous-même, sur vos familles, sur les membres de vos Missions diplomatiques et sur toutes les nations que vous représentez, j’invoque l’abondance des Bénédictions divines.

[01800-03.01] [Texte original: Français]

CENNI BIOGRAFICI DEI NUOVI AMBASCIATORI

Riportiamo di seguito i cenni biografici essenziali dei nuovi Ambasciatori presso la Santa Sede di: Trinidad e Tobago, Guinea Bissau, Svizzera, Burundi, Thailandia, Pakistan, Mozambico, Kyrgyzstan, Andorra, Sri Lanka, Burkina Faso:

S.E. la Signora Margaret Allison KING-ROUSSEAU,
Ambasciatore di Trinidad e Tobago presso la Santa Sede

È nata il 3 maggio 1955.
È sposata.
Laureata in Scienze Politiche ed Economia (Università di New York, USA, 1979), ha ottenuto un Diploma in Relazioni Internazionali (Università di West Indies, St. Augustine, Trinidad e Tobago, 1980).
Entrata nella carriera diplomatica nel 1980, ha ricoperto i seguenti incarichi: Funzionario del Dipartimento Protocollo del Ministero degli Affari Esteri (1980-1981); Funzionario del Dipartimento per gli Affari Politici ed Economici del Ministero degli Affari Esteri (1981-1983); Funzionario del Consiglio per la Sicurezza del Ministero degli Affari Esteri (1983-1985); Vice Presidente del Comitato per la Decolonizzazione presso l'Assemblea ONU a New York (1986-1987); Primo e, successivamente, Secondo Segretario della Missione Permanente di Trinidad e Tobago presso l'ONU a New York (1985-1995); Segretario del Dipartimento per l'Informazione e gli Affari Consolari del Ministero degli Affari Esteri (1995); Segretario del Dipartimento Protocollo del Ministero degli Affari Esteri e Vice Direttore per gli Affari Politici (1995-1997); Segretario del Dipartimento per le Americhe del Ministero degli Affari Esteri (1998); Vice Direttore del Dipartimento per l'Asia, l'Africa ed il Medio Oriente presso il Ministero degli Affari Esteri e Responsabile per le Relazioni bilaterali con le Nazione dell'Asia e dell'Africa (1999-2001); Capo del Dipartimento per l'Asia, l'Africa, il Medio Oriente ed il Pacifico presso il Ministero degli Affari Esteri (2001-2002); Direttore del Dipartimento per gli Affari europei del Ministero degli Affari Esteri (2002); Consigliere di Ambasciata a Bruxelles (2002-2006); Vice Alto Commissario e Capo della Cancelleria ad Ottawa (2006); Direttore del Dipartimento per le Americhe del Ministero degli Affari Esteri (2006-2007); Direttore del Dipartimento per le Relazioni multilaterali del Ministero degli Affari Esteri (2007-2010).
Attualmente è Ambasciatore a Bruxelles, ove risiede.

* * *

S.E. la Signora Hília GAREZ GOMES LIMA BARBER
Ambasciatore di Guinea Bissau presso la Santa Sede

È nata a Bissau il 21 aprile 1944.
È sposata ed ha due figli.
Diplomata in Lettere (Istituto Superiore delle lingue e dell'amministrazione, Facoltà di Lettere presso l'Università Classica di Lisbona), ha successivamente svolto l'attività di Docente a Bissau (1971-1975).
Intrapresa la carriera diplomatica (1976) ha ricoperto i seguenti incarichi: Direttore del Dipartimento per l'Europa e l'America nonché Responsabile per i Paesi di lingua portoghese e per la Francia e l'Africa presso il Ministero degli Affari Esteri (1977-1983); Consigliere politico e diplomatico del Gabinetto del Primo Ministro (1984- 1986); Direttore del Dipartimento per l'Europa e l'America nonché Responsabile per i Paesi di lingua portoghese e per la Francia e l'Africa presso il Ministero degli Affari Esteri (1986-1996); Ambasciatore in Israele (1996-1999); Ministro degli Affari Esteri (1999-2001); Consigliere per gli Affari con lo Stato d'Israele (2001-2003); Membro del "groupe de réflexion" sulla politica estera del Ministero degli Affari Esteri (2003-2009); Consigliere politico e diplomatico del Presidente della Repubblica, col rango di Ministro (2009-2010).
Attualmente è Ambasciatore a Parigi, ove risiede.
Parla il portoghese, il francese, l’inglese e il tedesco.

* * *

S.E. il Signor Paul WIDMER
Ambasciatore della Svizzera presso la Santa Sede

È nato a Wattwil (San Gallo) nel 1949.
È sposato ed ha un figlio.
Laureato in Letteratura presso l'Università di Zurigo, ha intrapreso la carriera diplomatica nel 1977, ricoprendo successivamente i seguenti incarichi: Funzionario presso il Ministero degli Affari Esteri (1977-1978); Funzionario presso il Consolato generale e poi presso la Missione Permanente presso l'ONU a New York (1978-1979); Collaboratore diplomatico presso la Divisone politica del Ministero degli Affari Esteri (1979-1983); Distaccato per l'Institute for East-West Security Studies a New York (1983- 1984); Segretario (1984-1987) e poi Consigliere di Ambasciata a Washington (1987-1989); Capo del Servizio per la sicurezza presso la Direzione politica del Ministero degli Affari Esteri (1989-1992); Capo Ufficio nell'Ambasciata svizzera in Germania (1992-1999); Ambasciatore in Croazia (1999-2003); Ambasciatore in Giordania (2003-2007); Rappresentante Permanente elvetico presso il Consiglio d'Europa a Strasburgo (2007-2011).
Attualmente è Ambasciatore a Berna, ove risiede.

* * *

S.E. il Signor Anatole BACANAMWO
Ambasciatore del Burundi presso la Santa Sede

È nato a Gitega il 31 dicembre 1959.
È sposato ed ha due figli.
Laureato in Scienze Umanistiche (Seminario di Mugera, 1981), specializzato in Storia (Università del Burundi, 1986), in Educazione (Istituto Superiore di Pedagogia, Bruxelles, 2003), in Consulenza Assicurativa (Accademia di Louvain-La-Neuve, 2005) ed in Gestione degli Affari Pubblici (sede UNESCO a Bujumbura, 2008).
Ha svolto i seguenti incarichi: Docente di Storia nella Scuola di Busiga a Ngozi/Burundi (1987-1989); Consigliere della Presidenza della Repubblica (1989-1993); Primo Segretario di Ambasciata a Bruxelles (1993-1996); Funzionario incaricato dei progetti per i giovani immigranti presso la Comunità d'Ixelles a Bruxelles (2003-2007).
Dal 2011 è Ambasciatore a Berlino, ove risiede.
È autore di pubblicazioni sul contributo delle Missioni cattoliche allo sviluppo, sulla crisi della Regione dei Grandi Laghi e sul ruolo dell'educatore nei confronti dei giovani immigranti.
Parla il kirundi, il francese, l’inglese, lo swahili e l’olandese.

* * *

S.E. la Signora Arbhorn MANASVANICH
Ambasciatore di Thailandia presso la Santa Sede

È nata l'8 gennaio 1952.
È sposata.
Laureata in Affari internazionali e diplomazia, si è specializzata in Relazioni Diplomatiche presso la Chulalongkorn University.
Intrapresa la carriera diplomatica nel 1974, ha ricoperto i seguenti incarichi: Addetto (1974-1977) e poi Terzo Segretario presso il Ministero degli Affari Esteri (1977-1979); Terzo Segretario (1979-1980) e poi Secondo Segretario di Ambasciata a Berna (1980-1983); Secondo Segretario (1983-1985) e poi Primo Segretario presso il Ministero degli Affari Esteri (1985-1986); Primo Segretario di Ambasciata a Colombo (1986-1989); Consigliere presso il Ministero degli Affari Esteri (1989-1992); Direttore di Divisione (1992-1997) e poi Vice-Direttore Generale presso il Ministero degli Affari Esteri (1997-1999); Ministro di Ambasciata a Londra (1999-2003); Vice Direttore Generale presso il Ministero degli Affari Esteri (2004-2006); Direttore esecutivo dell'Ufficio per il commercio e gli affari economici della Thailandia a Taipei (2007-2010); Ambasciatore in Turchia (2010-2011).
Attualmente è Ambasciatore a Berna, ove risiede.

* * *

S.E. il Signor Muhammad SALEEM
Ambasciatore del Pakistan presso la Santa Sede

È nato i14 settembre 1953.
È sposato.
Laureato in Filosofia, ha intrapreso la carriera diplomatica nel 1987, ricoprendo successivamente i seguenti incarichi: Funzionario presso il Ministero degli Affari Esteri (1988-1991); Segretario di Ambasciata a Burnie (1991-1994); Officiale presso il Ministero degli Affari Esteri (1994-1997); Consigliere di Ambasciata a Berlino (1997-2000); Consigliere della Missione Diplomatica a Meshed in Iran (2000-2005); Direttore presso il Ministero degli Affari Esteri (2005-2007); Ministro presso l'Alto Commissariato ad Ottawa (2007-2011).
Attualmente è Ambasciatore a Berna, ove risiede.
Parla il farsi, l’inglese, il tedesco.

* * *

S.E. il Signor Amadeu Paulo Samuel da CONCEIÇÃO
Ambasciatore del Mozambico presso la Santa Sede

È nato a Chongoene, Xai-Xai, 1'8 maggio 1960.
È sposato ed ha due figli.
Laureato in Relazioni Internazionali (Istituto Superiore di Maputo, 1983), si è specializzato in Economia Internazionale (Accademia di Potsdam, ex-DDR,1989) ed ha ottenuto un master in Relazioni Internazionali (St. John's University, NY, 1998).
Entrato nella carriera diplomatica nel 1978, ha ricoperto i seguenti incarichi: Funzionario presso il Ministero degli Affari Esteri (1978-1980); Funzionario presso la Missione Permanente dell'ONU a New York (1981-1983); Segretario di Ambasciata a Berlino (1984-1989); Incaricato d'Affari a.i. presso l'Ambasciata a Bonn (1990-1991); Assistente al Gabinetto del Ministro degli Esteri (1991-1992); Capo di Dipartimento Europa(1992) e Direttore Africa/Oriente Medio presso il Ministero degli Affari Esteri (1992-1994); Ambasciatore in Italia ed in Grecia, con sede a Roma, nonché Rappresentante Permanente alla FAO (1994-1999); Direttore di Protocollo presso il Ministero degli Affari Esteri (1999-2002); Ambasciatore in Brasile ed in Argentina e Cile, con sede a Brasilia (2002-2004); Segretario Permanente presso il Ministero degli Affari Esteri (2004-2007), col rango di Ministro Plenipotenziario; Ambasciatore a Cuba (2007-2011).
Attualmente è Ambasciatore a Berlino, ove risiede.
Ha partecipato a numerose Conferenze internazionali e regionali sull'organizzazione dell'unità africana e sullo sviluppo delle nazioni australi dell'Africa.
Parla il portoghese, il francese, l’inglese e lo spagnolo; conosce l'italiano e il tedesco.

* * *

S.E. il Signor Tolendy MAKEYEV
Ambasciatore del Kyrgyzstan presso la Santa Sede

È nato a Bishkek nell'aprile 1958.
È sposato ed ha due figli.
Laureato in Lingue (Università statale, 1980), è stato lettore di tedesco presso l'Università di Bishkek (1980-1986) e lettore-interprete ai corsi per la preparazione del personale aeronautico (1986-1990).
Intrapresa la carriera diplomatica nel 1990, ha successivamente ricoperto i seguenti incarichi: Segretario esecutivo pressa l'Associazione delle Nazioni Unite a Bishkek (1990-1991); Secondo e poi Primo Segretario della Divisione per l'economia e la cooperazione culturale presso il Ministero degli Affari Esteri (1991-1992); Capo Sezione presso la Divisione per l'Europa e le Americhe del Ministero degli Affari Esteri (1993-1994); Incaricato d'Affari a.i. dell'Ambasciata a Bonn (1995-1996); Consigliere di Ambasciata a Bonn (1996-1997); Capo dell'Agenzia consolare a Francoforte (1997-1998); Direttore di Dipartimento e Capo della Direzione per i Paesi Occidentali presso il Ministero degli Affari Esteri (1998-2000); Ministro-Consigliere di Ambasciata a Berlino (2001-2004); Capo della Direzione per la pianificazione e la cooperazione economica multilaterale presso il Ministero degli Affari Esteri (2004-2005); Vice Ministro degli Affari Esteri e Coordinatore dell'Organizzazione per la Cooperazione con Shanghai (2005-2010).
Attualmente è Ambasciatore a Berlino, ove risiede.

* * *

S.E. il Signor Jaume SERRA SERRA
Ambasciatore del Principato di Andorra presso la Santa Sede

È nato in Andorra 1'11 giugno 1959.
È sposato ed ha tre figli.
Laureato in Scienze Economiche (Universitat de Barcelona, 1984), ha successivamente frequentato un master in Amministrazione e Commercio (Universitat Politècnica de Catalunya, 2001) e un Diploma in Optometria presso il medesimo Ateneo (2006).
Dal 1987 al 2011 ha ricoperto numerosi incarichi nel settore privato (tra gli altri: Presidente di Forces Electriques d'Andorra; Membro del Consiglio di Amministrazione dell'Istituto Nazionale delle Finanze; Presidente esecutivo di ENGAS; Presidente e Direttore Generale del Gruppo Quars Holding), mentre nell'ambito statale ha svolto i seguenti ruoli: Coordinatore del Piano Strategico del Governo di Andorra (1993-1994); Ministro dell'Economia (1994); Coordinatore del Piano Strategico dell'Università di Andorra (2004-2005); Membro del Parlamento di Andorra e, contemporaneamente, Presidente della Commissione delle Finanze, Vice-Presidente della Commissione per gli Affari Esteri del Consiglio Generale e Vice-Presidente del Gruppo Parlamentare Liberale (2005-2009); Membro della Delegazione andorrana all'Assemblea dell'OSCE (2008-2009); Parlamentare e componente della Commissione delle Finanze e della delegazione dell'Unione interparlamentare (2009-2001).
Parla il catalano, lo spagnolo, il francese e l’inglese.

* * *

S.E. la Signora Tamara KUNANAYAKAM
Ambasciatore dello Sri Lanka presso la Santa Sede

È nata il 15 settembre 1952.
È nubile.
Laureata in Economia e Relazioni Internazionali (Università di Heidelberg, 1978), si è specializzata in Scienze Politiche (Università di Ginevra, 1982) e nel frattempo ha prestato attività presso il World Council of Churches (WCC).
Ha ricoperto successivamente i seguenti incarichi: Responsabile del programma sull'alimentazione e l'agricoltura presso l'Ufficio di liaison non governativo dell'ONU a Ginevra (1982-1983); Consigliere di ricerca per le strategie di produzione alimentare nell'Asia del Pacifico presso la Federazione mondiale luterana a Ginevra (1983-1984); Ricercatore invitato presso l'Istituto di ricerca per la pace internazionale ad Oslo (1984-1985); Responsabile del programma di consulenza per l'alimentazione e l'agricoltura nell'Africa Sub-Sahariana (1985); Responsabile del programma di consulenza e sicurezza per la cooperazione e lo sviluppo presso la Federazione mondiale luterana a Ginevra (1986- 1988); Consigliere presso l'Ufficio dei Diritti Umani dell'ONU a Ginevra nonché ricercatore per il progetto sull'analisi storica del diritto allo sviluppo (1989- 1990); Membro di ricerca presso l'Istituto interdisciplinare delle ricerche ad Heidelberg (1991); Consigliere di ricerca presso l'ILO (1991-1993); Capo del Dipartimento per lo sviluppo della sicurezza presso l'istituto "Bread for All" a Berna (1993-1994); Capo del Dipartimento per i Diritti Umani presso l'Alto Commissariato dell'ONU a Ginevra (1994-2005); Ministro Consigliere dell’Ambasciata del Sri Lanka in Brasile (2007-2008); Ambasciatore a Cuba (2009-2011).
Attualmente è Ambasciatore e Rappresentante Permanente presso le Nazioni Unite a Ginevra, ove risiede.
Oltre il tamil, parla l’inglese, il francese, il tedesco e lo spagnolo.

* * *

S.E. il Signor Joseph PARÉ
Ambasciatore del Burkina Faso presso la Santa Sede

È nato il 17 febbraio 1957.
È sposato ed ha quattro figli.
Laureato in Lettere moderne (Università di Ouagadougou, 1980), ha ottenuto un Dottorato in Poetica comparata (Università di Parigi, 1986), ed una specializzazione in Letteratura generale e comparata (Università di Montreal,1995).
Professore universitario, dal 1993 è Docente del sistema CAMES (Consiglio africano e malgascio per l'insegnamento superiore); ha insegnato semiotica, semiologia e letteratura.
Ha ricoperto, tra gli altri, i seguenti incarichi: Capo del Dipartimento di Lettere moderne dell'Università di Ouagadougou (1997); Direttore per gli Affari accademici, l'informazione e l'orientamento professionale (Università di Ouagadougou, 1997-2000); Professore invitato all'Università di Bari, Italia (1999); Professore invitato all'Università del Quebec, Canada (2000); Vice-Presidente dell'Università di Ouagadougou ed incaricato dello sviluppo professionale e dei rapporti Università-Impresse (2000-2003); Presidente dell'Università di Ouagadougou (2003-2006); Ministro dell'Educazione secondaria, superiore e della ricerca scientifica (2006-2011); Presidente della Commissione nazionale per l'UNESCO (2006-2011); Professore invitato all'Università di Boston, USA (2006); Iniziatore del nuovo sistema educativo del Burkina Faso (2007); Membro del Consiglio esecutivo dell'UNESCO (2009-2011); Ministro dell'Educazione secondaria e superiore (2011).
Attualmente è Ambasciatore a Parigi, ove risiede.
È autore di numerose pubblicazioni sulla linguistica e la francofonia nell'Africa subsahariana.
Ha partecipato a numerosi incontri internazionali sulla letteratura e la poesia.
Parla il francese, l’inglese, lo spagnolo e conosce le lingue san e jula.

[01786-01.01]

[B0746-XX.01]