www.vatican.va

Back Top Print Search



D’ROZARIO Card. Patrick, C.S.C.


Card D'ROZARIO Patrick

Il Cardinale Patrick D’Rozario, C.S.C., Arcivescovo di Dhaka (Bangladesh), è nato il 1° ottobre 1943 a Padrishibpur, in diocesi di Chittagong. Primo cardinale del Bangladesh, è l’ultimo degli otto figli di Dispina e Michael Ningal D’Rozario, agricoltore e poi sannyasin, “cercatore di verità”, monaco induista che viveva di elemosina.

 Ricevuta l’istruzione di base nella città natale, nel 1961 ha iniziato il noviziato nella Congregazione della Santa Croce a Sagardi, Barisal. Dopo la laurea in lettere al Notre Dame College di Dhaka, nel 1966 è entrato nel Seminario Christ the King a Karachi, in Pakistan, per gli studi filosofici e teologici. Il 1° gennaio 1971 ha emesso la professione religiosa e l’8 gennaio 1972 a Padrishibpur è stato ordinato sacerdote - primo nel Paese dopo l’indipendenza dall’India - dal confratello Joachim Rozario.

Ha svolto un anno di ministero come assistente nella parrocchia di Gournadi, quindi si è trasferito in Belgio per la specializzazione in teologia morale alla Pontificia università di Lovanio. Rientrato in Patria nel 1976, ha insegnato teologia morale al Seminario maggiore nazionale di Bonani, Dhaka, ricoprendo al contempo l’incarico di vicedirettore dell’Holy Cross scholasticate presso il Notre Dame College. Nominato nel 1979 direttore del Centro nazionale per i servizi pastorali, nello stesso periodo ha fondato «Prodipon», pubblicazione del seminario maggiore. Scelto nel 1982 come superiore distrettuale di Chittagong della sua congregazione, ha svolto per un anno funzioni di parroco a Padrishibpur, insegnando part-time teologia morale al Seminario nazionale di Dhaka. Negli stessi anni ha fondato il Pastoral Service Team, è stato parroco di Barisal e fondatore del Centro pastorale e per i ritiri a Sagardi.

Il 21 maggio 1990, con l’erezione della diocesi di  Rajshahi, ne è stato eletto primo vescovo. Il 12 settembre ha ricevuto l’ordinazione episcopale nella parrocchia di Bonpara. Dopo aver organizzato la nuova Chiesa locale e  partecipato nell’ottobre 1994 al sinodo dei vescovi sulla vita consacrata, il 3 febbraio 1995 è stato trasferito alla sede di Chittagong, la seconda più importante del Paese, dove ha fatto ingresso il 21 aprile. Durante il ministero pastorale nelle due diocesi, in seno alla Conferenza episcopale del Bangladesh (Cbcb) ha presieduto le Commissioni Iustitia et pax, poi delle Comunicazioni sociali e infine per l’Ecumenismo e il dialogo interreligioso.

Al contempo, è stato membro del Comitato per le comunicazioni sociali nella Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia (Fabc) e del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso. Ha inoltre presieduto il Comitato per la traduzione del Catechismo della Chiesa cattolica in lingua bengalese e poi le Commissioni per i laici e per l’educazione cattolica della  Cbcb, fino a divenire vice presidente della stessa Conferenza.

 Il 25 novembre 2010 è stato promosso arcivescovo coadiutore di Dhaka, succedendo a monsignor Paulinus Costa nella sede metropolitana della capitale il 22 ottobre 2011. Subito dopo è stato eletto presidente della Cbcb e in tale veste, nell’ottobre 2014, ha partecipato alla terza Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi dedicata al tema Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione. In ambito ecumenico, dall’agosto 2012 presiede anche lo United Forum of Churches in Bangladesh. Inoltre, dopo essere stato membro dell’Ufficio per i laici e la famiglia della Fabc, è divenuto presidente della Federazione per il biennio 2013-2015.

Da Papa Francesco creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 19 novembre 2016, del Titolo di Nostra Signora del SS. Sacramento e Santi Martiri Canadesi.