www.vatican.va

Back Top Print Pdf


RINUNCE E NOMINE, 15.09.2006


RINUNCE E NOMINE

NOMINA DEL SEGRETARIO DI STATO

NOMINA DEL PRESIDENTE DELLA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO E DEL GOVERNATORATO DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO

NOMINA DEL SEGRETARIO PER I RAPPORTI CON GLI STATI DELLA SEGRETERIA DI STATO

NOMINA DEL SEGRETARIO DI STATO

A conferma di quanto pubblicato il 22 giugno 2006, il Santo Padre ha accettato le dimissioni dell’Em.mo Card. Angelo Sodano dall’incarico di Segretario di Stato, secondo il can. 354 del Codice di Diritto Canonico, ed ha nominato al suddetto incarico l’Em.mo Card. Tarcisio Bertone, S.D.B., Arcivescovo emerito di Genova.

 Em.mo Cardinale Tarcisio Bertone, S.D.B.

Il Cardinale Tarcisio Bertone, S.D.B., è nato a Romano Canavese (Provincia di Torino e Diocesi di Ivrea) il 2 dicembre 1934, quinto di otto figli, ed è stato battezzato il 9 dicembre dello stesso anno.

Ha compiuto i suoi studi medi a Torino, nell'oratorio di Valdocco, passando direttamente al noviziato di Monte Oliveto (Pinerolo) attratto dalla vocazione salesiana. Ha fatto la prima professione religiosa il 3 dicembre 1950, ed ha ricevuto l'ordinazione sacerdotale, dalle mani di Mons. Albino Mensa, Vescovo di Ivrea, il 1° luglio 1960.

Conseguita la Licenza in S. Teologia alla Facoltà Teologica Salesiana di Torino con una dissertazione sulla tolleranza e la libertà religiosa, ha continuato gli studi a Roma, presso il Pontificio Ateneo Salesiano, ove ha ottenuto la Licenza e il Dottorato in Diritto Canonico, con la ricerca su "Il governo della Chiesa nel pensiero di Benedetto XIV - Papa Lambertini (1740-1758)".

Nel 1967 è stato chiamato a Roma, per assumere la cattedra di Teologia Morale Speciale all'Ateneo Salesiano, poi divenuto Pontificia Università Salesiana (1973), dove ha insegnato per dieci anni. Nel 1976 è stato chiamato a dirigere la Facoltà di Diritto Canonico, ove ha insegnato fino al 1991 «Diritto Pubblico Ecclesiastico», diventando Professore Ordinario di cattedra. Ha insegnato anche, tra l'altro, «Diritto Internazionale» e «Diritto dei minori» (in consonanza con la specializzazione pedagogica della Pontificia Università Salesiana), e «Legislazione e Organizzazione Catechistica e di Pastorale Giovanile». È stato dal 1978 Docente di «Diritto Pubblico Ecclesiastico» presso l'Institutum Utriusque Iuris della Pontificia Università Lateranense.

Oltre ad un'attività pubblicistica, ha svolto compiti direttivi presso le Comunità dell'Università Salesiana di Roma: è stato Direttore dei Teologi (1974-1976), Decano della Facoltà di Diritto Canonico (1979-1985), Vice Rettore (1987-1989) e poi Rettore Magnifico (1989-1991) dell'Università Salesiana.

A Roma ha collaborato anche con diverse parrocchie ed ha contribuito alla promozione dei laici (Centri di Formazione teologica e apostolica). Ha collaborato all'ultima fase della revisione del Codice di Diritto Canonico e svolto attività promozionale per la sua recezione nelle Chiese particolari. Ha diretto il gruppo di lavoro che ha tradotto il Codice in italiano, con l'approvazione della Conferenza Episcopale Italiana.

Dagli anni '80 ha esercitato, inoltre, un qualificato servizio alla Santa Sede, come Consultore in diversi Dicasteri della Curia Romana, collaborando attivamente soprattutto con la Congregazione per la Dottrina della Fede.

Il 1° agosto 1991 il Santo Padre lo ha chiamato alla guida della più antica Diocesi del Piemonte, come Arcivescovo di Vercelli. Il 28 gennaio 1993 è stato nominato dalla CEI Presidente della Commissione Ecclesiale Giustizia e Pace e in tale ufficio ha promosso ricerche e iniziative per l'educazione alla legalità, alla giustizia e alla moralità.

Il 13 giugno 1995 Giovanni Paolo II lo ha nominato Segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede, confermando così la consegna data da S. Eusebio, protovescovo di Vercelli e assunta nel motto episcopale: "Fidem custodire, concordiam servare".

È stato incaricato dal Santo Padre di curare la pubblicazione della terza parte del «segreto» di Fatima (maggio 2000).

Il 10 dicembre 2002 Giovanni Paolo II lo ha nominato Arcivescovo di Genova, dove ha fatto l'ingresso il 2 febbraio 2003. Presidente della Conferenza Episcopale Ligure.

Da Giovanni Paolo II creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 21 ottobre 2003, del Titolo di S. Maria Ausiliatrice in via Tuscolana, Diaconia elevata pro hac vice a Titolo presbiterale.

Il 22 giugno 2006 il Santo Padre Benedetto XVI ne aveva preannunciato la nomina a Segretario di Stato per il 15 settembre.

[01267-01.01]

NOMINA DEL PRESIDENTE DELLA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO E DEL GOVERNATORATO DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO

A conferma di quanto pubblicato il 22 giugno 2006, il Papa ha accettato le dimissioni dell’Em.mo Card. Edmund Casimir Szoka dall’incarico di Presidente della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano e di Presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, secondo il medesimo can. 354 del Codice di Diritto Canonico, ed ha nominato ai suddetti incarichi S.E. Mons. Giovanni Lajolo, Arcivescovo tit. di Cesariana, finora Segretario della Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato.

 S.E. Mons. Giovanni Lajolo

È nato a Novara (Italia) il 3 gennaio 1935.

È stato ordinato sacerdote il 29 aprile 1960, incardinato a Novara.

È laureato in Diritto Canonico.

Entrato nel Servizio diplomatico della Santa Sede nel 1970, ha prestato la propria opera presso la Rappresentanza Pontificia in Germania e in seguito presso il Consiglio per gli Affari Pubblici della Chiesa.

È stato nominato Segretario dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica, e Arcivescovo tit. di Cesariana, il 3 ottobre 1988. Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 6 gennaio 1989.

È stato nominato Nunzio Apostolico nella Repubblica Federale di Germania il 7 dicembre 1995.

È stato nominato Segretario della Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato il 7 ottobre 2003.

Conosce l’inglese, il francese e il tedesco.

[01268-01.01]

NOMINA DEL SEGRETARIO PER I RAPPORTI CON GLI STATI DELLA SEGRETERIA DI STATO

Il Santo Padre ha nominato Segretario per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato l’Ecc.mo Mons. Dominique Mamberti, Arcivescovo tit. di Sagona, finora Nunzio Apostolico in Sudan e in Eritrea.

 S.E. Mons. Dominique Mamberti

È nato a Marrakech, nell’arcidiocesi di Rabat (Marocco), il 7 marzo 1952.

È stato ordinato sacerdote il 20 settembre 1981.

Si è incardinato ad Ajaccio.

È laureato in Diritto Canonico e Civile.

Entrato nel Servizio diplomatico della Santa Sede il 1° marzo 1986, ha prestato la propria opera successivamente presso le Rappresentanze Pontificie in Algeria, Cile, alla Missione Permanente all’O.N.U. a New York, in Libano e infine presso la Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato.

Il 18 maggio 2002 è stato nominato Nunzio Apostolico in Sudan e Delegato Apostolico in Somalia ed eletto alla Sede titolare di Sagona, con dignità di Arcivescovo. Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 3 luglio 2002.

Il 19 febbraio 2004 è stato nominato anche Nunzio Apostolico in Eritrea.

Conosce il francese, l’italiano, l’inglese e lo spagnolo.

[01269-01.01]