www.vatican.va

Back Top Print Search




Comunicato Stampa

Leader religiosi, autorità civili e rappresentanti di grandi aziende tecnologiche si riuniscono in Vaticano per promuovere la protezione dei minori nel mondo digitale

 

Promoting Digital Child Dignity - From Concept to Action
Casina Pio IV – Accademia Pontificia delle Scienze Sociali 14-15 novembre 2019

 

Un incontro internazionale di alto livello sulle iniziative per una efficace protezione della dignità dei minori nel mondo digitale avrà luogo nei giorni 14 e 15 novembre prossimi presso la sede della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, Casina Pio IV, nei Giardini Vaticani.

L’incontro si aprirà con la Udienza e il Discorso del Papa ai partecipanti, la mattina del 14 novembre alle 10, nella Sala Clementina, e si chiuderà con un intervento del Card. Segretario di Stato, Pietro Parolin, il 15 novembre.

L’incontro è organizzato in collaborazione fra la Pontificia Accademia delle Scienze Sociali la Child Dignity Alliance e la Interfaith Alliance for Safer Communities, e si pone in continuità con il Congresso mondiale svoltosi alla Pontificia Università Gregoriana nel 2017, “Child Dignity in the Digital World”, e con l’Incontro interreligioso svoltosi ad Abu Dhabi nel 2018, “Interreligious Conference of the Interfaith Alliance for safer Communities: Child Dignity Online”.

Come dice il titolo: “From Concept to Action”, l’Incontro non mira solo a richiamare l’attenzione sui problemi, ma ancor più a proporre e sostenere iniziative e azioni concrete.

All’Incontro parteciperanno circa 80 personalità impegnate nel campo: rappresentanti di Organizzazioni internazionali, NGO, Compagnie Tecnologiche, Operatori economici, Politici, Giuristi e Leaders religiosi.

Da segnalare, fra gli altri, la partecipazione e gli interventi nella giornata di mercoledì di S.A. lo Sheik Saif Bin Zayed al Nahyan, Vice Primo Ministro e Ministro degli Interni degli Emirati Arabi Uniti, di S.M. la Regina Silvia di Svezia, e il messaggio del Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo; in quella di giovedì i discorsi del Prof. Dr. Grande Imam di Al-Azhar, Ahmed el-Tayeb, del Rabbi David Rosen, della Sig.a Najat Maalla M’jid, Rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la violenza contro i bambini.

Si prevede che l’Incontro si concluda con una Dichiarazione comune.

Per i giornalisti interessati sono previsti:

Prima dell’Incontro: Meeting Point alla Sala Stampa della Santa Sede, martedì     12.11. ore 11.30

Briefing alla Associazione Stampa Estera, mercoledì 13.11. ore 15.30

I giornalisti e gli operatori media che intendono partecipare devono inviare richiesta, entro 48 ore dall’evento, attraverso il Sistema di accreditamento online della Sala Stampa della Santa Sede, all’indirizzo: press.vatican.va/accreditamenti

Per i rapporti con la stampa, richiesta di interviste con i partecipanti, altre informazioni, rivolgersi all’Ufficio stampa dell’incontro, alla email: digitalchilddignity@gmail.com

Le istituzioni organizzatrici:

Pontificia Accademia delle Scienze Sociali
The Pontifical Academy of SociaI Sciences was established on 1 January 1994 by Pope John Paul II and is headquartered in the Casina Pio IV in Vatican City. It was established to promote the study of social sciences, primarily economics, sociology, law, and political science. Through appropriate dialogue it offers the Roman Catholic Church elements useful to the development of its social teaching, and it reflects on the application of that doctrine in contemporary society.

Child Dignity Alliance
The Child Dignity Alliance, established following the visionary World Congress “Child Dignity in the Digital World” (at the Gregorian University, Rome, November 2017) and funded by the Human Dignity Foundation, has mobilised six different working groups to achieve the goals of the Declaration of  Rome, signed  at  the end  of  the Congress and  supported  by  Pope Francis; its overarching goal being to generate global awareness of the pandemic of Child Sexual Exploitation and Abuse by building and spreading knowledge through global research and interfaith collaboration.

Interfaith Alliance for Safer Communities
The Interfaith Alliance for Safer Communities was established to empower faith leaders to work for safety and security of our communities, tackling issues such as child sexual abuse, extremism and radicalization and human trafficking. We aim to facilitate the building of bridges between faiths, NGOs and experts in various domains. We are conscious of the importance of empowering faith leaders, both at the institutional and grass-roots levels, with knowledge and to mobilize them to play an active role in community safety.

 

________________