www.vatican.va

Back Top Print Pdf


Le Lettere Credenziali dell’Ambasciatore di Serbia presso la Santa Sede, 19.10.2017


Alle ore 9.30 di questa mattina, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza l’Ambasciatore di Serbia presso la Santa Sede, S.E. il Sig. Dejan Šahović, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali.

Riportiamo di seguito i cenni biografici essenziali del nuovo ambasciatore:

S.E. il Sig. Dejan Šahović,

Ambasciatore di Serbia presso la Santa Sede

È nato nel 1955.

È sposato ed ha due figli.

Si è laureato in Diritto (Facoltà di Diritto, Belgrado).

Ha ricoperto, tra l’altro, i seguenti incarichi: Personale junior presso la Banca Jugoslava per la Cooperazione Economica Esterna, Dipartimento per l'Assicurazione dei Rischi politici (1981-1986); Terzo Segretario presso la Segreteria Federale per gli Affari Esteri della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia (1986); Terzo Segretario e successivamente Secondo Segretario di Ambasciata presso le Nazioni Unite a New York (1987-1991); Secondo Segretario presso la Segreteria Federale per gli Affari Esteri della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia (1991); Funzionario politico nelle Missioni sul campo delle Nazioni Unite in Cambogia, Sud Africa e Tagikistan ((1992-1996); Avvocato (1996-2000); Consigliere presso il Ministero degli Affari Esteri (2000); Rappresentante Permanente della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia presso le N zioni Uniti a New York (2001-2004); Rappresentante Permanente dello Stato dell’Unione Serbia e Montenegro presso le Nazioni Uniti a Ginevra (2004-2006); Assistente Ministro incaricato degli Affari multilaterali (2006); Coordinatore Nazionale per la Presidenza della Serbia del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa (2007); Ambasciatore di Serbia in Ungheria (2008-2012); Vice-Capo Gabinetto del Presidente per la 67° Sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (2012-2013); Capo della Task Force per la Presidenza dell'OSCE 2015 della Serbia (2013-2015). Dal 2016, è Ambasciatore nel Ministero degli Affari Esteri.

Conosce la lingua inglese.

[01572-IT.01]