www.vatican.va

Back Top Print Pdf


Conferenza stampa a conclusione del Workshop “Estinzione biologica. Come salvare l'ambiente naturale da cui dipendiamo”, 02.03.2017


 

Alle ore 11.00 di questa mattina, presso la Sala Stampa della Santa Sede in Via della Conciliazione 54, si tiene la Conferenza Stampa a conclusione del Workshop sul tema Estinzione biologica. Come salvare l'ambiente naturale da cui dipendiamo, organizzato dalla Pontificia Accademia delle Scienze e dalla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali (Casina Pio IV, 27 febbraio – 1° marzo 2017).

Alla conferenza stampa intervengono S.E. Mons. Marcelo Sánchez Sorondo, Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali; il Prof. Werner Arber, Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze; il Prof. Peter Hamilton Raven, Accademico della Pontificia Accademia delle Scienze e il Prof. Partha Sarathi Dasgupta, Accademico della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali.

Pubblichiamo di seguito la dichiarazione finale del Workshop:

Dichiarazione finale del Workshop

Testo in lingua inglese

Testo in lingua italiana

Testo in lingua inglese

 

Extinction is Forever: How To Avoid It

A study week was convened at the Casina Pio IV in the Vatican on February 27-March 1, 2007, by the Pontifical Academy of Sciences and the Pontifical Academy of Social Sciences to review what we know about biological extinction, its causes and the ways in which we might limit its extent. The participants concluded, based on comparisons with the fossil record, that the current rate of loss of species is approximately 1,000 times the historical rate, with perhaps a quarter of all species in danger of extinction now and as many as half of them may be gone by the end of the present century. Since we depend on living organisms for the functioning of our planet, our food, many of our medicines and other materials, waste absorption and the mediation of our climate, and for much of the beauty of the earth, these losses will inflict incalculable damage on our common prospects unless we control them. We have discovered and described less than one fifth of the species that are estimated to exist, and so we’re throwing away unknown potential and threatening the basic functioning of our planet.

Prior to the development of agriculture some 10,000 years ago, human beings lived as bands of a few dozen individuals for whom survival was an all-encompassing challenge. At that time, there were perhaps one million of us living in the entire world. As our numbers grew, however, we began to form the villages, towns, and cities in which our civilization was developed. A third of the earth was gradually converted to agriculture. By two hundred years ago, we had grown to one billion people for the first time, and then to two billion in 1930 and shooting upward to the 7.4 billion of today. Since 1950, world GDP has grown 15 times while the world population has tripled. This five-fold increase in per capita income has brought huge gains to the contemporary human condition.

Aside from threatening millions of species with extinction, this enormous increase in economic activity based on profit and on the use of fossil fuels is putting huge strains on the earth’s capacity to function sustainably. The most obvious associated signs include global climate change and the concomitant damages to the earth’s system that it brings in its wake, such as sea level rise as well as ocean acidification and anoxia, these feeding back on biological extinction directly.

The human population of earth is marked by vast economic inequality. Thus the richest 19% of the world’s people use well over half of the world’s resources as measured by their consumption. Per capita income of the richest 1.4 billion people averages $41,000; in sharp contrast, the poorest 1 billion people, in Sub-Saharan Africa, have an average income of $3,500. The wealthy are thus substantially responsible for the increase in global warming and, consequently, the decrease in biodiversity. The poorest people, who do not enjoy the benefits of fossil fuels, are indirectly responsible for deforestation and some destruction of biodiversity, because their actions take place within a world economic system dominated by demands made by the wealthy, who have much higher overall consumption levels without paying any externalities to conserve global biodiversity.

Just as human activities are responsible for these negative effects, today we need positive human action for the sustainable development of biodiversity.

An inescapable condition for attaining global sustainability is wealth redistribution, because high levels of consumption anywhere have impacts worldwide in degrading the functioning of earth systems and destroying biodiversity. Ending extreme poverty, which would cost about $175 billion or less than 1% of the combined income of the richest countries in the world, is one major route to protecting our global environment and saving as much biodiversity as possible for the future. This can be accomplished in individual poor regions. In the sea, the establishment of large protected marine reserves is another important element in the preservation of overall biological productivity. To accomplish this, we must follow the conciliatory moral principles outlined so well in the Encyclical Laudato si’ that formed the inspiration for our meeting.

The formation of intensive agricultural systems, when carried out properly through crop rotation and incorporation of livestock and reinvesting profits in regional economies, in suitable regions is an important part of the strategy for protecting biodiversity, because concentrated productivity enables the sustainable development of other regions, conserving biodiversity, as is taking place in the Amazon. Regarding modern genetic methods, as Pope Francis pointed out, “This is a complex environmental issue; it calls for a comprehensive approach which would require, at the very least, greater efforts to finance various lines of independent, interdisciplinary research capable of shedding new light on the problem”. It will also be important to think carefully about the best possible design for the cities of the future, where a large majority of the world’s people will soon be living, whose peripheries must enjoy the same benefits of the city centers.

We concluded our meeting in the spirit of Pope Francis’ eloquent words in his Encyclical Laudato si’ and we left resolved to seek new ways of working together to build a sustainable, stable, and socially just world. The human race has experienced severe local collapse in the past, but now we are threatened on a global level. To solve our common dilemma, we must learn to love one another, to collaborate and to build bridges throughout the world to a degree that has not been imagined previously.

[00313-EN.00] [Original text: English]

Testo in lingua italiana

L’estinzione è per sempre: come evitarla

Il 27 febbraio-1 marzo, si è tenuto, presso la Casina Pio IV in Vaticano, un seminario congiunto della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, per esaminare ciò che sappiamo sull’estinzione biologica, le sue cause e i modi attraverso i quali potremmo ridurre la sua portata. I partecipanti hanno concluso, basandosi sul confronto della documentazione fossile, che l’attuale perdita di specie è di circa 1000 volte il tasso storico. Attualmente sarebbero in pericolo di estinzione un quarto di tutte le specie e la metà di esse potrebbe estinguersi entro la fine del secolo corrente. Dal momento che dipendiamo dagli organismi viventi per il funzionamento del nostro pianeta, il cibo, molti dei nostri farmaci e altri materiali, per l’assorbimento dei rifiuti e per l’equilibrio del clima, oltre che per gran parte della bellezza di questo mondo, tali perdite causeranno danni incalcolabili per il nostro futuro a meno che non siano tenute sotto controllo. Siamo a conoscenza solo dell’esistenza di meno di un quinto delle specie che stimiamo popolino il mondo. Stiamo perciò sprecando un potenziale sconosciuto e mettendo a repentaglio i meccanismi fondamentali del nostro pianeta.

Prima dello sviluppo dell’agricoltura circa 10.000 anni fa, gli esseri umani vivevano in gruppi composti da poche decine di individui per i quali la sopravvivenza era una sfida enorme. A quel tempo, vivevano all’incirca un milione di persone in tutto il mondo. Quando la popolazione ha iniziato ad aumentare, abbiamo cominciato a costruire villaggi, paesi e città nelle quali si è sviluppata la nostra civiltà. Un terzo della terra è stata gradualmente destinata all’agricoltura. Duecento anni fa, per la prima volta la popolazione raggiungeva un miliardo di persone, toccando nel 1930 i due miliardi che oggi sono diventati 7.4 miliardi. Dal 1950, il PIL mondiale è aumentato di 15 volte e la popolazione mondiale è triplicata. La quintuplicazione del reddito pro capite ha portato enormi vantaggi per la condizione umana contemporanea.

Oltre a minacciare milioni di specie in via di estinzione, questo enorme aumento dell’attività economica basata sul solo profitto e sull’uso di combustibili fossili sta mettendo sotto sforzo il funzionamento sostenibile della terra. I segni più evidenti includono il cambiamento climatico globale e i danni al sistema della terra come ad esempio l’innalzamento del livello del mare, l’acidificazione degli oceani e l’anossia, che alimentano in maniera diretta l’estinzione biologica.

La popolazione umana della terra è segnata da grandi diseguaglianze a livello economico. Le persone più ricche del mondo, che rappresentano il 19% della popolazione consumano più della metà delle risorse mondiali. Il reddito pro capite degli 1.4 miliardi di ricchi è all’incirca di 41.000$; al contrario, il miliardo di persone più povere, in particolare nell’Africa Sub-Sahariana, ha un reddito medio di 3.500$. I ricchi sono quindi maggiormente responsabili dell’aumento del riscaldamento globale e di conseguenza della diminuzione della biodiversità. I più poveri che non beneficiano dell’uso di combustibili fossili sono indirettamente responsabili della deforestazione e di una parte della distruzione della biodiversità, visto che le loro azioni si svolgono all’interno di un sistema economico mondiale basato sulle necessità dei più ricchi, i quali hanno in assoluto i maggiori livelli di consumo senza pagare le esternalità che potrebbero permettere di preservare la biodiversità.

Così come le attività umane sono responsabili di questi effetti negativi, oggi abbiamo bisogno di un’azione umana positiva per lo sviluppo sostenibile della biodiversità. Una condizione imprescindibile per il raggiungimento della sostenibilità globale è la redistribuzione della ricchezza, perché ovunque in tutto il mondo gli alti livelli di consumi hanno un impatto nel degradare il funzionamento della terra e nel distruggere la biodiversità.

Porre fine alla povertà costerebbe circa 175 miliardi ossia meno dell’1% della somma delle entrate dei paesi più ricchi del mondo ed è uno dei principali modi per proteggere il nostro ambiente e salvare la maggiore biodiversità possibile per il futuro. Questo può essere realizzato regione per regione. La creazione di grandi riserve naturali marine è un altro elemento importante per la preservazione della produttività biologica complessiva. Per compiere questo, dobbiamo seguire i principi morali chiaramente descritti nell’enciclica Laudato Si’che ha ispirato il nostro incontro.

La formazione di sistemi di agricoltura intensiva in regioni adatte, se effettuata correttamente attraverso la rotazione delle colture e l'incorporazione del bestiame e reinvestendo i profitti nelle economie regionali, è una parte importante della strategia per la tutela della biodiversità, perché la produttività concentrata consente lo sviluppo sostenibile delle altre regioni e la conservazione della biodiversità, come sta avvenendo in Amazzonia. Per quanto riguarda i metodi genetici moderni, come ha sottolineato Papa Francesco, “Quella degli OGM è una questione di carattere complesso, che esige di essere affrontata con uno sguardo comprensivo di tutti i suoi aspetti, e questo richiederebbe almeno un maggiore sforzo per finanziare diverse linee di ricerca autonoma e interdisciplinare che possano apportare nuova luce”. Sarà importante anche considerare attentamente la migliore progettazione possibile per le città del futuro, in cui si trasferirà presto la grande maggioranza delle persone di tutto il mondo, le cui periferie devono godere degli stessi vantaggi dei centri urbani.

Abbiamo concluso il nostro incontro nello spirito delle parole eloquenti di Papa Francesco nella sua enciclica Laudato Si’, decisi a cercare nuovi modi di lavorare insieme per costruire un mondo sostenibile, stabile e basato sulla giustizia sociale. In passato la razza umana ha sperimentato gravi minacce locale, ma le minacce sono ora a livello globale. Per risolvere il nostro comune dilemma, dobbiamo imparare ad amarci gli uni con gli altri, a collaborare e a costruire ponti in tutto il mondo a livelli finora inimmaginabili.

[00313-IT.01] [Testo originale: Italiano]

[B0132-XX.01]