www.vatican.va

Back Top Print Pdf


Rinunce e nomine, 28.07.2016


Erezione dell’Eparchia di Gran Bretagna dei Siro-Malabaresi e nomina del primo Vescovo

Nomina del Visitatore Apostolico per i fedeli siro-malabaresi residenti in Europa

Erezione dell’Eparchia di Gran Bretagna dei Siro-Malabaresi e nomina del primo Vescovo

Il Santo Padre Francesco ha eretto l’Eparchia di Gran Bretagna dei Siro-Malabaresi con sede a Preston e ha nominato primo Vescovo il Rev.do Sacerdote Joseph (Benny Mathew) Srampickal, del clero dell’Eparchia di Palai, finora Vice-Rettore del Collegio De Propaganda Fide a Roma.

Rev.do Sacerdote Joseph (Benny Mathew) Srampickal

Il Rev.do Sacerdote Joseph (Benny Mathew) Srampickal è nato il 30 maggio 1967 a Poovarany, nell’Eparchia di Palai. Entrato nel seminario minore, ha compiuto gli studi filosofici al St. Thomas Apostolic Seminary, Vadavathoor e teologici alla Pontificia Università Urbaniana a Roma, dove ha conseguito la licenza in teologia biblica. Ha proseguito gli studi ad Oxford (Inghilterra). Conosce il malayalam, l’inglese, l’italiano e il tedesco.

Ordinato sacerdote il 12 agosto 2000, ha ricoperto i seguenti incarichi: Professore al Seminario minore e al Mar Ephrem Formation Centre di Pala; Direttore del Mar Sleeva Nursing College, Cherpumkal; Direttore del Evangelization Programme; Segretario del Vescovo; Parroco a Urulikunnam. Dal 2013, è Vice-Rettore del Pontificio Collegio Urbano De Propaganda Fide, Roma.

Nota informativa

Gli ultimi trent’anni hanno visto un influsso crescente di emigranti dall’India verso le Isole Britanniche. Più di 38.000 fedeli siro-malabaresi risiedono in Inghilterra, Scozia e Galles. Sono presenti in ventisette diocesi, concentrati maggiormente nelle grandi città: Londra, Birmingham e Liverpool. Ventitré sacerdoti siro-malabaresi sono impegnati nella cura pastorale, coordinati, dal 2013, dal Rev.do Thomas Parayadiyil, MST. Oltre alle celebrazioni liturgiche, sono stati istituiti programmi di formazione nella fede secondo la tradizione siro‑malabarese sia per gli adulti che per i bambini, con notevoli benefici per il coinvolgimento del laicato.

La sede della Circoscrizione è a Preston, nella diocesi di Lancaster, dove si trova la Cattedrale, dedicata a Sant’Alfonsa, insieme alla cancelleria e la residenza del Vescovo, S.E. Mons. Joseph (Benny Mathew) Srampickal.

[01246-IT.01]

Nomina del Visitatore Apostolico per i fedeli siro-malabaresi residenti in Europa

Il Papa ha nominato Visitatore Apostolico per i fedeli siro-malabaresi residenti in Europa Mons. Stephen Chirappanath, del clero dell’Eparchia di Irinjalakuda, elevandolo all’episcopato e assegnandogli la sede titolare di Slebte.

Mons. Stephen Chirappanath

Mons. Stephen Chirappanath è nato il 26 dicembre 1961 a Puthenchira. Dopo gli studi filosofici e teologici presso il St. Thomas Apostolic Seminary, Vadavathoor, ha conseguito il dottorato in teologia morale all’Accademia Alfonsiana di Roma. Parla il malayalam, l’inglese, l’italiano e il tedesco.

È stato ordinato sacerdote il 26 dicembre 1987 e ha poi svolto i seguenti incarichi: Parroco a Padua Nagar; Giudice del Tribunale; Direttore dei Centri per la riabilitazione dalla droga; Rettore del St. Paul’s Minor Seminary, Irinjalakuda; Professore, poi Vice‑Rettore, del St. Thomas Apostolic Seminary a Vadavathoor. Dal 2011 è Procuratore dell’Arcivescovo Maggiore a Roma e Coordinatore per i fedeli siro-malabaresi in Italia, uffici che continuerà a svolgere.

Nota informativa

Nei recenti decenni, l’emigrazione degli Indiani in occidente è andata crescendo notevolmente. Ormai esistono comunità siro-malabaresi in diversi Paesi d’Europa: Italia, Austria, Danimarca, Francia, Germania e Svizzera, oltre a Irlanda. Il numero dei fedeli varia da 11.125 nell’Italia e 7.768 nell’Irlanda, a soltanto 30 in Danimarca, con un totale di circa 30.000. Ci sono circa 20 centri per la Celebrazione della qurbana in Italia, 16 in Irlanda, 10 in Austria e meno negli altri Paesi, con circa 35 sacerdoti. Il Visitatore Apostolico ha il compito di visitare i fedeli della sua Chiesa residenti in Europa, interagendo con gli Ordinari del luogo ai quali essi sono affidati, riferendo alla Sede Apostolica circa la loro cura pastorale.

[01247-IT.01]

[B0548-XX.01]