www.vatican.va

Back Top Print Pdf


Rinunce e nomine, 18.03.2016


Rinuncia del Vescovo di Fabriano-Matelica (Italia) e nomina del successore

Il Santo Padre Francesco ha accettato la rinuncia al governo pastorale della diocesi di Fabriano-Matelica (Italia), presentata da S.E. Mons. Giancarlo Vecerrica, in conformità al can. 401 § 1 del Codice di Diritto Canonico.

Il Papa ha nominato Vescovo di Fabriano-Matelica (Italia) il Rev.do Mons. Stefano Russo, del clero della diocesi di Ascoli Piceno, finora Parroco della parrocchia dei Santi Pietro e Paolo nella medesima diocesi.

Rev.do Mons. Stefano Russo

Il Rev.do Mons. Stefano Russo è nato ad Ascoli Piceno il 26 agosto 1961. Ha frequentato il Movimento Diocesano dell’Opera di Maria. Dopo aver conseguito il diploma di perito tecnico in Telecomunicazioni, si è iscritto alla Facoltà di Architettura di Pescara, laureandosi nel luglio 1990 con una tesi di indirizzo storico. Ha iniziato il percorso formativo al sacerdozio a Grottaferrata, presso il Centro Gen’s (Generazione Nuova Sacerdotale), Comunità dei Focolari, frequentando i corsi per il Baccalaureato in Teologia presso la Pontificia Università Lateranense. Il 20 aprile 1991 ha ricevuto l’ordinazione presbiterale presso la Cattedrale di Ascoli Piceno per le mani del compianto Ecc.mo Mons. Marcello Morgante.

Dal 1990 al 2007 è stato Presidente della Commissione Arte Sacra e Beni Culturali della diocesi di Ascoli Piceno e Incaricato per i Beni Culturali Ecclesiastici della medesima diocesi; dal 1990 al 2005 è stato Membro della Consulta per i Beni Culturali Ecclesiastici della Conferenza Episcopale Marchigiana; dal 1995 al 2005 ha gestito e coordinato le attività del Museo Diocesano di Ascoli Piceno. Nel 1996 ha partecipato al Corso di formazione per l’edificazione e l’adeguamento liturgico degli edifici di Culto organizzato dalla Conferenza Episcopale Italiana; dal 1996 al 2005 è stato Incaricato Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici della Conferenza Episcopale Marchigiana; dal 1996 dirige il lavoro d’inventariazione informatizzata dei Beni Storico-Artistici della diocesi di Ascoli Piceno.

Dal 1999 al 2001 è stato Amministratore parrocchiale della parrocchia di S. Pietro in Castel San Pietro (AP). Dal 2001 al 2005 è Responsabile dell’UDTAP, Ufficio che coordina gli interventi di recupero degli edifici di valore storico-artistico, danneggiati dal terremoto, di pertinenza della diocesi di Ascoli Piceno; Dal 2001 è Membro del Comitato dell’Ufficio Nazionale Beni Culturali Ecclesiastici della CEI; è Membro della Commissione per i Beni e le attività culturali della Regione Marche dal 2002 al 2005. Dal marzo 2005 all’agosto 2015 è stato Responsabile dell’Ufficio Nazionale Beni Culturali Ecclesiastici della CEI, continuando a servire come Vice parroco la comunità di San Giacomo della Marca. Dal novembre 2015 è Parroco della parrocchia dei Santi Pietro e Paolo, in Ascoli Piceno.

[00432-IT.01]

[B0199-XX.01]