www.vatican.va

Back Top Print Pdf


Rinunce e nomine, 12.02.2016


Rinuncia del Vescovo di Plzeň (Repubblica Ceca) e nomina del successore

Nomina dell’Arcivescovo di Matera-Irsina (Italia)

Rinuncia del Vescovo di Plzeň (Repubblica Ceca) e nomina del successore

Il Santo Padre Francesco ha accettato la rinuncia al governo pastorale della diocesi di Plzeň (Repubblica Ceca), presentata da S.E. Mons. František Radkovský, in conformità al can. 401 § 1 del Codice di Diritto Canonico.

Il Papa ha nominato Vescovo di Plzeň (Repubblica Ceca) il Rev.do Mons. Tomáš Holub, attuale Segretario Generale della Conferenza Episcopale Ceca e Parroco a Vyšehrad.

Rev.do Mons. Tomáš Holub
Il Rev.do Mons. Tomáš Holub è nato il 16 agosto 1967 a Jaromer (diocesi di Hradec Králové).
Dal 1985 al 1989 ha studiato Filosofia e Teologia alla Facoltà Teologica Cirillo-Metodiana a Litoměřice. Nel 1990 ha fatto un anno di studi teologici alla Facoltà Teologica a Salzburg (Austria). Nel 1993 ha ottenuto il Baccalaureato in Teologia alla Facoltà Teologica Cattolica dell’Università Carolina a Praga.
Il 28 agosto 1993 ha ricevuto l’ordinazione sacerdotale a Hradec Králové, incardinandosi nella stessa diocesi.
Negli anni 1993-1996 è stato Vicario Parrocchiale a Kutna Hora (diocesi di Hradec Králové e dal 1996 al 2006 è stato primo e poi principale Cappellano militare dell’Armata Ceca.
In seguito, ha studiato un anno alla Pontificia Università Lateranense a Roma (2007-2008). Ha conseguito la Laurea in Teologia Morale alla Facoltà Cattolica dell’Università Carolina di Praga, con il tema Aspetti etici della lotta contro il terrorismo nella luce della dottrina della cosiddetta guerra giusta.
Dal 2008 al 2010 è stato Vicario Generale della diocesi di Hradec Králové.
Dal 2011 al presente è Segretario Generale della Conferenza Episcopale Ceca e Decano eletto del Capitolo collegiale di Vyšehrad, e dal 2015 è Parroco della parrocchia di San Pietro e Paolo a Vyšehrad.

[00267-IT.01]

Nomina dell’Arcivescovo di Matera-Irsina (Italia)

Il Santo Padre ha nominato Arcivescovo di Matera-Irsina (Italia) il Rev.do Antonio Giuseppe Caiazzo, del clero dell’arcidiocesi di Crotone-Santa Severina, finora Parroco e Vicario Episcopale per il Clero e la Vita Consacrata.

Rev.do Antonio Giuseppe Caiazzo
Il Rev.do Antonio Giuseppe Caiazzo è nato a Isola Capo Rizzuto, nell'arcidiocesi di Crotone-Santa Severina, il 7 aprile 1956. Ha conseguito la Maturità classica presso il Liceo del Pontificio Seminario Regionale “Pio XI” di Reggio Calabria e ha proseguito la sua formazione nel Seminario Teologico Calabro “San Pio X” di Catanzaro, dove ha acquisito il Baccalaureato in Teologia. Trasferitosi a Roma, ha ottenuto il Dottorato in Sacra Liturgia al Pontificio Istituto Liturgico S. Anselmo.
È stato ordinato sacerdote il l0 ottobre 1981 ed è incardinato nell'arcidiocesi di Crotone-Santa Severina.
Dopo l’ordinazione presbiterale ha svolto i seguenti incarichi pastorali: Vicario parrocchiale di Santa Caterina da Siena a Roma (1981-1983); Membro della Commissione Diocesana di Arte Sacra (1994-2007); Delegato Episcopale per l'Evangelizzazione (1995-1996); Membro del Collegio dei Consultori (1996-1999 e 2004-2007); Membro della Consulta Nazionale per la Liturgia presso la Conferenza Episcopale Italiana (1996-2010); Vicario foraneo (1996-2000); Direttore del Centro Diocesano Vocazioni (2005-2006); Rettore del Seminario Minore Diocesano (2005-2008); Delegato Diocesano per i Seminaristi del Seminario Maggiore (2005-2008); Direttore dell'Ufficio Liturgico Regionale (1996-2010); Direttore dell'Ufficio Liturgico Diocesano (1996-2010).
Attualmente è Parroco di San Paolo Apostolo a Crotone (dal 1985); Consigliere dell'Istituto Diocesano Sostentamento Clero (dal 1994); Membro del Consiglio presbiterale (dal 1994); Vicario Episcopale per il Clero e la Vita Consacrata (dal 2012).
Inoltre, ha insegnato presso l'Istituto Diocesano di Scienze Religiose di Crotone e, attualmente, è Docente di Sacra Liturgia all’Istituto Teologico Calabro “San Pio X” di Catanzaro.
È autore di articoli e contribuiti nel settore della liturgia; ha curato il Santorale Regionale e ha pubblicato un libro sulla storia della sua parrocchia.

[00268-IT.01]

[B0108-XX.01]