www.vatican.va

Back Top Print Pdf


Videomessaggio del Santo Padre per la chiusura del 51.mo Congresso Eucaristico Internazionale (Cebu, Filippine, 24-31 gennaio 2016), 31.01.2016


Videomessaggio del Santo Padre

Traduzione in lingua italiana (a cura de “L’Osservatore Romano”)

Con la Santa Messa presieduta dal Legato Pontificio Card. Charles Maung Bo, S.D.B., Arcivescovo di Yangon, si è chiuso oggi a Cebu, nelle Filippine, il 51.mo Congresso Eucaristico Internazionale sul tema “L’Eucaristia: fonte e culmine della missione della Chiesa”.

Al termine della Celebrazione eucaristica è stato trasmesso il videomessaggio di Papa Francesco. Ne riportiamo di seguito la trascrizione:

Videomessaggio del Santo Padre

Dear Brothers and Sisters,

I greet all of you gathered in Cebu for the Fifty-first International Eucharistic Congress. I thank Cardinal Bo, who is my representative among you, and I offer a special greeting to Cardinal Vidal, Archbishop Palma and the bishops, priests and faithful in Cebu. I also greet Cardinal Tagle and all the Catholics of the Philippines. I am particularly happy that this Congress has brought together so many people from the vast continent of Asia and from throughout the world.

Just one year ago, I visited the Philippines in the wake of Typhoon Yolanda. I was able to witness at first hand the deep faith and resilience of its people. Under the protection of Santo Niño, the Filipino people received the Gospel of Jesus Christ some five hundred years ago. Ever since, they have given the world an example of fidelity and deep devotion to the Lord and his Church. They have also been a people of missionaries, speading the light of the Gospel in Asia and to the ends of the earth.

The theme of the Eucharistic Congress – Christ in You, Our Hope of Glory – is very timely. It reminds us that the risen Jesus is always alive and present in his Church, above all in the Eucharist, the sacrament of his Body and Blood. Christ’s presence among us is not only a consolation, but also a promise and a summons. It is a promise that everlasting joy and peace will one day be ours in the fullness of his Kingdom. But it is also a summons to go forth, as missionaries, to bring the message of the Father’s tenderness, forgiveness and mercy to every man, woman and child.

How much our world needs this message! When we think of the conflicts, the injustices and the urgent humanitarian crises which mark our time, we realize how important it is for every Christian to be a true missionary disciple, bringing the good news of Christ’s redemptive love to a world in such need of reconciliation, justice and peace.

So it is fitting that this Congress has been celebrated in the Year of Mercy, in which the whole Church is invited to concentrate on the heart of the Gospel: Mercy. We are called to bring the balm of God’s merciful love to the whole human family, binding up wounds, bringing hope where despair so often seems to have the upper hand.

As you now prepare to “go forth” at the end of this Eucharistic Congress, there are two gestures of Jesus at the Last Supper which I would ask you to reflect on. Both have to do with the missionary dimension of the Eucharist. They are table fellowship and the washing of feet.

We know how important it was for Jesus to share meals with his disciples, but also, and especially, with sinners and the outcast. Sitting at table, Jesus was able to listen to others, to hear their stories, to appreciate their hopes and aspirations, and to speak to them of the Father’s love. At each Eucharist, the table of the Lord’s Supper, we should be inspired to follow his example, by reaching out to others, in a spirit of respect and openness, in order to share with them the gift we ourselves have received.

In Asia, where the Church is committed to respectful dialogue with the followers of other religions, this prophetic witness most often takes place, as we know, through the dialogue of life. Through the testimony of lives transformed by God’s love, we best proclaim the Kingdom’s promise of reconciliation, justice and unity for the human family. Our example can open hearts to the grace of the Holy Spirit, who leads them to Christ the Savior.

The other image which the Lord offers us at the Last Supper is the washing of feet. On the eve of his passion, Jesus washed the feet of his disciples as a sign of humble service, of the unconditional love with which he gave his life on the Cross for the salvation of the world. The Eucharist is a school of humble service. It teaches us readiness to be there for others. This too is at the heart of missionary discipleship.

Here I think of the aftermath of the typhoon. It brought immense devastation to the Philippines, yet it also brought in its wake an immense outpouring of solidarity, generosity and goodness. People set about rebuilding not just homes, but lives. The Eucharist speaks to us of that power, which flows from the Cross and constantly brings new life. It changes hearts. It enables us to be caring, to protect the poor and the vulnerable, and to be sensitive to the cry of our brothers and sisters in need. It teaches us to act with integrity and to reject the injustice and corruption which poison the roots of society.

Dear friends, may this Eucharistic Congress strengthen you in your love of Christ present in the Eucharist. May it enable you, as missionary disciples, to bring this great experience of ecclesial communion and missionary outreach to your families, your parishes and communities, and your local Churches. May it be a leaven of reconciliation and peace for the entire world.

Now, at the end of the Congress, I am happy to announce that the next International Eucharistic Congress will take place in 2020 in Budapest, Hungary. I ask all of you to join me in praying for its spiritual fruitfulness and for an outpouring of the Holy Spirit upon all engaged in its preparation. As you return to your homes renewed in faith, I gladly impart my Apostolic Blessing to you and your families as a pledge of abiding joy and peace in the Lord.

God Bless you: the Father, the Son and the Holy Spirit.

[00160-EN.01] [Original text: English]

Traduzione in lingua italiana (a cura de “L’Osservatore Romano”)

Cari fratelli e sorelle,

saluto tutti voi che siete riuniti a Cebu per il cinquantunesimo congresso eucaristico Internazionale. Ringrazio il cardinale Bo, che è il mio rappresentante in mezzo a voi, e rivolgo un particolare saluto al cardinale Vidal, all’arcivescovo Palma e ai vescovi, ai sacerdoti e ai fedeli a Cebu. Saluto anche il cardinale Tagle e tutti i cattolici nelle Filippine. Sono particolarmente felice che questo congresso abbia riunito tante persone del vasto continente asiatico e di tutto il mondo.

Ho visitato le Filippine appena un anno fa, poco dopo il tifone Yolanda. Ho potuto constatare di persona la fede profonda e la capacità di ripresa della popolazione. Sotto la protezione del Santo Niño, il popolo filippino ha ricevuto il Vangelo di Gesù Cristo circa cinquecento anni fa. Da allora, ha sempre dato al mondo un esempio di fedeltà e di profonda devozione al Signore e alla sua Chiesa. È stato anche un popolo di missionari, diffondendo la luce del Vangelo in Asia e fino ai confini della terra.

Il tema del congresso eucaristico – Cristo in voi, nostra speranza di gloria – è molto opportuno. Ci ricorda che Gesù risorto è sempre vivo e presente nella sua Chiesa, soprattutto nell’eucaristia, il sacramento del suo corpo e del suo sangue. La presenza di Cristo in mezzo a noi non è soltanto una consolazione, ma anche una promessa e un invito. È una promessa che un giorno la gioia e la pace eterne ci apparterranno nella pienezza del suo regno. Ma è anche un invito a uscire, come missionari, per portare il messaggio della tenerezza del Padre, del suo perdono e della sua misericordia a ogni uomo, donna e bambino.

Quanto ha bisogno di questo messaggio il nostro mondo! Se pensiamo a tutti i conflitti, le ingiustizie, le crisi umanitarie urgenti che segnano il nostro tempo, ci rendiamo conto di quanto sia importante per ogni cristiano essere un vero discepolo missionario, portando la buona novella dell’amore redentore di Cristo a un mondo tanto bisognoso di riconciliazione, giustizia e pace.

È quindi opportuno che questo congresso sia stato celebrato nell’Anno della misericordia, nel quale l’intera Chiesa è invitata a concentrarsi sul cuore del Vangelo: la misericordia. Siamo chiamati a portare il balsamo dell’amore misericordioso di Dio all’intera famiglia umana, fasciando ferite, portando speranza laddove la disperazione tanto spesso sembra avere il sopravvento.

Mentre ora, al termine di questo congresso eucaristico, vi preparate a “uscire”, ci sono due gesti di Gesù nell’ultima cena sui quali vi chiedo di riflettere. Entrambi hanno a che fare con la dimensione missionaria dell’eucaristia. Si tratta della convivialità e della lavanda dei piedi.

Sappiamo quanto fosse importante per Gesù condividere i pasti con i suoi discepoli, ma anche, e specialmente, con i peccatori e gli emarginati. Sedendo a tavola, Gesù poteva ascoltare gli altri, sentire le loro storie, apprezzarne le speranze e le aspirazioni e parlare loro dell’amore del Padre. A ogni eucaristia, la mensa della cena del Signore, dobbiamo essere ispirati a seguire il suo esempio, andando incontro agli altri, in spirito di rispetto e apertura, per condividere con loro il dono che noi stessi abbiamo ricevuto.

In Asia, dove la Chiesa è impegnata in un rispettoso dialogo con i seguaci di altre religioni, questa testimonianza profetica molto spesso avviene, come sappiamo, attraverso il dialogo di vita. La testimonianza di vite trasformate dall’amore di Dio è per noi il modo migliore di proclamare la promessa del regno di riconciliazione, giustizia e unità per la famiglia umana. Il nostro esempio può aprire i cuori alla grazia dello Spirito santo, che li conduce a Cristo il salvatore.

L’altra immagine che ci offre il Signore nell’ultima cena è la lavanda dei piedi. La sera prima della sua passione, Gesù ha lavato i piedi ai discepoli in segno di umile servizio, dell’amore incondizionato con cui ha dato la sua vita sulla croce per la salvezza del mondo. L’eucaristia è una scuola di servizio umile. Ci insegna a essere pronti a esserci per gli altri. Anche questo è al centro del discepolato missionario.

Penso qui alle conseguenze del tifone. Ha portato un’immensa devastazione nelle Filippine, ma ha suscitato anche un’immensa effusione di solidarietà, generosità e bontà. Le persone si sono messe a ricostruire non soltanto le case, ma anche le vite. L’eucaristia ci parla di questa forza che scaturisce dalla croce e che porta continuamente nuova vita. Cambia i cuori. Ci permette di essere premurosi, di proteggere chi è povero e vulnerabile e di essere sensibili al grido dei nostri fratelli e le nostre sorelle nel bisogno. Ci insegna ad agire con integrità e a rifiutare l’ingiustizia e la corruzione che avvelenano le radici della società.

Cari amici, possa questo congresso eucaristico rafforzarvi nel vostro amore verso Cristo presente nell’eucaristia. Possa rendervi capaci, come discepoli missionari, di portare questa grande esperienza di comunione ecclesiale e impegno missionario alle vostre famiglie, parrocchie e comunità e alle vostre Chiese locali. Possa essere fermento di riconciliazione e di pace per il mondo intero.

Ora, al termine del congresso, sono lieto di annunciare che il prossimo congresso eucaristico internazionale si svolgerà nel 2020 a Budapest, in Ungheria. Chiedo a tutti voi di unirvi a me nel pregare per la sua fecondità spirituale e per l’effusione dello Spirito santo su tutti coloro che sono impegnati nei preparativi. Mentre ritornate alle vostre case rinnovati nella fede, imparto volentieri la mia benedizione apostolica a voi e alle vostre famiglie, come pegno di gioia e di pace duratura nel Signore.

Vi benedica Dio: Padre, Figlio e Spirito Santo.

[00160-IT.01] [Testo originale: Inglese]

[B0071-XX.01]