www.vatican.va

Back Top Print Pdf


Conferenza Stampa di presentazione della Prima Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta delle persone (8 febbraio 2015), 03.02.2015


Conferenza Stampa di presentazione della Prima Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta delle persone (8 febbraio 2015)

Intervento del Card. Peter Kodwo Appiah Turkson

Intervento di Sr. Carmen Sammut, MSOLA

Intervento di Sr. Gabriella Bottani, SMC

Testimonianza di Sr. Valeria Gandini, SMC

Testimonianza di Sr. Imelda Poole, IBVM

Nota informativa

 

Alle ore 11.30 di questa mattina, nell’Aula Giovanni Paolo II della Sala Stampa della Santa Sede, ha luogo la Conferenza Stampa di presentazione della Prima Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone, in programma l’8 febbraio prossimo sul tema: "Accendi una luce contro la tratta".

La Giornata è promossa dalle Unioni internazionali femminili e maschili dei Superiori/e Generali (UISG e USG), e patrocinata dalla Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica, dal Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti e dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace.

Intervengono alla Conferenza Stampa il Card. João Braz de Aviz, Prefetto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica; il Card. Antonio Maria Vegliò, Presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti; il Card. Peter Kodwo Appiah Turkson, Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace; Sr. Carmen Sammut, MSOLA, Presidente dell’Unione Internazionale delle Superiore Generali (UISG), in rappresentanza anche dell’Unione dei Superiori Generali (USG); Sr. Gabriella Bottani, SMC, Coordinatrice di Talitha Kum.

Nel corso della conferenza portano inoltre la loro testimonianza Sr. Valeria Gandini, SMC, Palermo e Sr. Imelda Poole, IBVM, Coordinatrice della Rete Europea di Talitha Kum, Albania.

Pubblichiamo di seguito interventi del Card. Peter Kodwo Appiah Turkson, di Sr. Carmen Sammut, di Sr. Gabriella Bottani, SMC, di Sr. Valeria Gandini, SMC, di Sr. Imelda Poole, IBVM, nonché una Nota informativa su Talitha Kum:

Intervento del Card. Peter Kodwo Appiah Turkson

Eminences, Excellencies, Reverend Fathers and Sisters, distinguished members of the Vatican press corps:

In the name of the Pontifical Council for Justice and Peace, I am very happy to join my fellow Cardinals in welcoming this initiative undertaken by our Brothers and Sisters of Consecrated Life.1

In his World Day of Peace Message on 1 January 2015,2 Pope Francis acknowledged that "the international community has adopted numerous agreements aimed at ending slavery in all its forms, and has launched various strategies to combat this phenomenon." Nevertheless, "millions of people today – children, women and men of all ages – are deprived of freedom and are forced to live in conditions akin to slavery."3

For those who cry out – usually in silence – for liberation, St Josephine Bakhita is "an exemplary witness of hope." We – victims and advocates alike– could do no better than be inspired by her life and entrust our efforts to her intercession.4

The Holy Father went on to recognize – and he invites us all to recognize – that "we are facing a global phenomenon which exceeds the competence of any one community or country. In order to eliminate it, we need a mobilization comparable in size to that of the phenomenon itself."5

The International Day against Human Trafficking next Sunday, 8 February, is a mobilization of awareness and prayer on a global scale. Yes, our awareness must expand and extend to the very depths of this evil and its farthest reaches … from awareness to prayer … from prayer to solidarity … and from solidarity to concerted action, until slavery and trafficking are no more.

On 2 December, Pope Francis hosted leaders of the Anglican and Orthodox Churches and of other great religions (Buddhist, Hindu, Jewish and Muslim) in the Vatican for the signing of the Joint Declaration of Religious Leaders against Modern Slavery.6 So may our prayer be ever more ecumenical, ever more inter-religious. As we join hands, in prayer and in action, to overcome human trafficking and modern slavery, may God help us to become more genuinely brothers and sisters.

Thank you.

______________________________

1 "Yet I would like to mention the enormous and often silent efforts which have been made for many years by religious congregations, especially women’s congregations, to provide support to victims. These institutes work in very difficult situations, dominated at times by violence, as they work to break the invisible chains binding victims to traffickers and exploiters" (Pope Francis, 2015 World Day of Peace Message, § 5)

2 http://w2.vatican.va/content/francesco/en/messages/peace/documents/papa-francesco_2014208_messaggio-XLVIII-giornata-mondiale-pace-2015.html

3 2015 World Day of Peace Message, § 3.

4 Josephine Bakhita, originally from the Darfur region in Sudan, was kidnapped by slave-traffickers and sold to brutal masters when she was nine years old. Subsequently - as a result of painful experiences - she became a "free daughter of God" thanks to her faith, lived in religious consecration and in service to others, especially the most lowly and helpless. This saint, who lived at the turn of the twentieth century, continues today an exemplary witness of hope for the many victims of slavery. She can support the efforts of all those committed to fighting against this "open wound on the body of contemporary society, a scourge upon the body of Christ" (2015 World Day of Peace Message, § 6).

5 2015 World Day of Peace Message, § 6.

6 The text of the Joint Declaration of Religious Leaders against Modern Slavery is available at www.globalfreedomnetwork.org/declaration. Pope Francis, Address at the Ceremony for the Signing of the Faith Leaders’ Universal Declaration against Slavery, 2 December 2014: "Modern slavery - in the form of human trafficking, forced labour, prostitution or the trafficking of organs - is a crime against humanity. Its victims are from every walk of life, but most are found among the poorest and the most vulnerable of our brothers and sisters".

[00187-02.01] [Original text: English]

Intervento di Sr. Carmen Sammut, MSOLA

I would like to thank all of you for being here for this press conference announcing the first International Day of Prayer and Reflection against trafficking in humans. We are here because we all feel concerned by the plight of so many of our contemporaries and we want to let the world know about it. We are here because we want to encourage all people of good will to join forces so that this terrible global phenomenon can be stopped. Today thousands of children, women and men are sold into slavery, forced labor, prostitution, trafficking of organs. Let us fight with all our might in favour of the rights and dignity of each person. Let us all light up the world against human trafficking. Let us give a voice to the millions of our brothers and sisters who are voiceless. We count on the media to promote and to make known our efforts.

As Pope Francis mentioned in his message for the 1st January 2015, "Slaves no more but brothers and sisters", religious congregations all over the world have been engaged for many years in providing support to victims, in working for their psychological and educational rehabilitation and in reintegrating them in society. Religious congregations have been organised in networks everywhere in order to raise awareness about what is happening and about the need for more effective social policies against trafficking. They are also engaged in denouncing the trafficking in persons.

Talitha Kum was created as a network of networks (and it now gathers 24 networks working in 81 countries) so as to maximize the resources that Religious Life has in these fields and to provide formation for those engaged in these networks and in work on the field.

It is intrinsic to religious life, to go out towards all those whose pain cries out to God. That is why it is appropriate that this day be inaugurated as part of the Year for Consecrated Life and for us, in UISG, as part of our 50th anniversary of foundation. What do we hope to achieve by the organisation of this day worldwide ?

Firstly a day of Prayer :we want to cry out to the Lord in the name of all the victims : Until when Lord?

Then we want to light up the world, that is bring hope to those who are without hope. Indeed the 8th February was chosen because it is the feast of St Bakhita, a day already celebrated by some Episcopal Conferences and International networks as a day against trafficking in humans. By choosing this date, we are acknowledging the desire of many organisations who had already suggested this. We need here to remember in a special way the tenacity and work of the USMI office against trafficking, coordinated by the untiring Sr Eugenia Bonetti. The example of St Bakhita a Sudanese-born former slave who became a canossian sister, brings hope to the victims. This global and complex phenomenon makes us want to work in close contact with people in all fields of life. We need to provide education and make children and young people aware of the dangers of some of the groups who lure them into believing they will find jobs and wealth elsewhere. We need to work together and with various organisations so as to eradicate poverty. However working at prevention and at protecting of victims is not enough. We need courage and determination in a global effort to persuade the various States to make just laws and to apply them in order to pursue the traffickers and to stop these criminal organisations.

Yes, let us light up the world against human trafficking. In the name of the USG and the UISG I want to thank the Congregation for Institutes of Consecrated Life and Societies of Apostolic Life; the Pontifical Council of Pastoral Care of Migrants and Itinerant People; the Pontifical Council for Justice and Peace, many Bishops Conferences throughout the world, as well as many other organisations who are making this day possible.

[00184-02.01] [Original text: English]

Intervento di Sr. Gabriella Bottani, SMC

Presenterò le azioni di questa prima giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta. Mi aiuterò con la pagina web, www.a-light-against-human-trafficking.info, che da ieri si trova disponibile in Internet.

Prima, permettetemi due brevi premesse:

la celebrazione della giornata mondiale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone non è per iniziare, perché già da tempo molte organizzioni ecclesiali e laiche – tra cui molte congregazioni religiose, sono impegnate contro la tratta di persone. Quindi non iniziamo qualche cosa di nuovo, sarebbe arroganza. Non è nemmeno una data proposta per concludere un percorso, perché siamo ancora lontani dallo sradicare la tratta di persone. La Giornata di preghiera e riflessione proposta dalle Unioni dei Superiori e delle Superiore Generali è una tappa importante del nostro cammino, per rinnovare le forze e continuare insieme nel nostro impegno a servizio del Regno di Dio, annunciatoci da Gesù Cristo.

Più volte ci siamo chieste se valesse la pena proporre un’altra giornata internazionale contro la tratta: già è stato indetto lo scorso anno dall’UNODC il 30 luglio, per la campagna cuore azzurro, oppure il 23 settembre - giornata internazionale contro la tratta di donne e bambini per lo sfruttamento sessuale, solo per citarne alcune, ma vi garantisco che sono molte di più. Quindi perché una nuova giornata? L’8 febbraio, festa di Santa Bakhita, ha lo scopo di invitare tutti a pregare e riflettere contro la tratta. Bakhita nel suo percorso di vita è passata dalla schiavitù alla libertà. Abbiamo quindi una donna consacrata come amica in questo cammino e questo ci ricorda l’importanza dell’essere e agire in Dio, anche nel costrastare la tratta di persone.

Pregare e Riflettere per:

- vedere meglio il cammino da percorre insieme,

- rischiarare il buio causato da tutto ciò che sfrutta la vita per fini di lucro,

- ridare speranza a chi vivie il dramma della tratta, perché scopre di non essere solo,

- trasformare mente e cuore, rompendo la crosta di superficialità e indifferenza che ci impedisce di riconoscere l’altra persona come fratello e sorella

- ritrovare la forza di un’azione collettiva,

- riconoscere e rimuovere le cause che sostengono la tratta di persone in tutte le sue modalità

- sostenere il nostro impegno a favore della libertà e della dignità della persona,

- vivere la mistica e la profezia dell’azione di Dio nella storia.

Nella realtà odierna del mondo globalizzato la mercificazione e lo sfruttamento della vita, ormai quotidiani, ci accecano a tal punto da impedirci di riconoscere l’altra persona non come fonte di lucro, ma fratello e sorella.

Luce e Tenebre sono un simbolo semplice e comprensibile: "In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre"(Gv. 1,4-5a) leggiamo nel Prologo del Vangelo di Giovanni.

Il sito web che lanciamo oggi in occasione di questa giornata ci invita a far parte del numeroso popolo della luce. Ogni luce che verrà accesa riafferma l’importanza dell’impegno per la libertà e la dignità di ogni persona.

Santa Bakhita, la sentiamo sorella nel suo cammino di libertà e speranza. Il suo esempio illumina tante altre storie di persone che come lei sono passate da questa drammatica esperienza e sono diventate, in modi diversi, speranza e luce per chi ancora si trova nel grande dolore e nella paura di chi la tratta la soffre sulla sua pelle.

Tra noi abbiamo diverse religiosi e religiose impegnate contro la tratta di persone, nell’accompagnamento delle vittime o in azioni preventive. Oggi diamo voce specialmente a due testimoni:

Sr. Valeria Gandini, missionaria comboniana, vive da diversi anni in Sicilia, fa parte di un gruppo di strada che cerca di avvicinare le donne vittima della tratta per lo sfruttamento della prostituzione e conosce da vicino il dramma dell’immigrazione e dei diverse forme di tratta che approfittano della situazione a fine di lucro.

Sr. Imelda Poole, dell’Istituto della Beata Vergine Maria, viene dall’Albania ed è la presidente di ‘RENATE’, la rete europea impegnata contro la tratta di persone. Imelda ci porta la testimonianza dell’Est europeo. Questa regione è al secondo posto per il numero di persone che cadono vittima dei trafficanti di persone.

[00185-01.01] [Testo originale: Italiano]

Testimonianza di Sr. Valeria Gandini, SMC

"La tratta delle persone è un crimine contro l’umanità". Queste sono parole di Papa Francesco.

Per capire che cosa significhi tratta degli esseri umani, bisogna incontrare le vittime, ascoltarle, guardarle negli occhi, abbracciarle.

Parlare con la donna che ha subito violenza, che si trova priva della sua libertà, che è continuamente sorvegliata dai suoi padroni, violentata, minacciata, comprata e venduta, e obbligata al silenzio.. e condividere con lei i sentimenti, le emozioni, le paure, è qualcosa di indescrivibile… è toccare con mano il fenomeno della tratta.

Nella mia esperienza di missionaria comboniana, ho incontrato tanti fratelli e sorelle, in paesi lontani e diversi: in Sudan, in Ethiopia, in Uganda. Al mio ritorno in Italia, ho conosciuto il fenomeno migratorio, tante persone con alle spalle sofferenze enormi, distacchi dolorosi e il desiderio di una vita migliore. Molti di loro hanno trovato una sistemazione, altri, vivono ancora nel disagio e nelle difficoltà.

Nel Centro di Ascolto della Caritas di Verona, dove ho prestato servizio per 20 anni, ho conosciuto tante donne che venendo in Italia in cerca di lavoro per sostenere le loro famiglie, si sono trovate schiave, obbligate a vendere il loro corpo. Sono giovani donne, mamme di famiglia, sono minorenni e tutte chiedevano: ascolto, accoglienza, un lavoro pulito. Chiedevano comprensione e preghiere.

Ricordo Lucy, costretta ad abortire otto volte, era terrorizzata perché vedeva sangue uscire dal rubinetto dell’acqua, e a chi poteva dirlo? Con chi poteva confidarsi?

Osagje, l’ho incontrata in Ospedale, era grave, in dialisi… mi diceva:" Il freddo della notte mi è penetrato nelle ossa e in tutto il corpo, per questo mi sono ammalata. E’ morta a 25 anni…

Ho conosciuto donne impazzite, come Edith, che vedeva uomini cattivi entrare dalla finestra, e dietro le porte e gridava aiuto…

Gala ripeteva sempre:" Suora, nessuno può capire la vergogna e la paura che si prova stando nuda sulla strada. Prima di uscire faccio il Segno della Croce e quando rientro ancora, e dico Grazie a Dio per essere tornata a casa viva.

Una cosa mi ha sempre sorpresa in queste sorelle, pur nella loro situazione di sofferenza e di confusione portano sempre dentro di loro il desiderio di vivere, la capacità di generare, di proteggere e far crescere la vita in situazioni di non vita. La tenacia nella lotta e la speranza inamovibile per un futuro migliore, e il sacrificare se stesse fino a morire pur di risparmiare i loro cari.

Ricordo Norah che volevano farla abortire, nonostante l’abbiano riempita di botte e calci, ha protetto e salvato il suo bimbo.

Mercy, da Roma, ha potuto fuggire al Nord perché una ragazza le ha consegnato tutto il guadagno della notte per pagare il biglietto.

Da 5 anni mi trovo a Palermo, in Sicilia, terra dove convivono povertà e solidarietà, indifferenza e accoglienza, individualismo e condivisione, mafia e fame di legalità.

Terra ad alto rischio di sfruttamento per i Migranti, per i tanti che arrivano: i richiedenti asilo, i minori non accompagnati, donne, le vittime di tratta… tutti, dopo una prima accoglienza sono lasciati a loro stessi.

Secondo i dati del Ministero degli Interni: più di 160.000 migranti sono sbarcati nell’Isola nel 2014.

Più evidente il caso delle donne vittime di tratta: secondo i dati dell’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni (OIM) nel 2014 c’è stato un incremento del 335% del numero delle donne nigeriane arrivate, 1.454 contro le 433 dell’ anno precedente.

Tra gli indicatori delle vittime di tratta rileviamo: i riti woodo, i viaggi, gli abusi sessuali in Libia, l’arrivo in Italia con l’inizio dello sfruttamento per ripagare il debito.

Le ragazze non chiedono aiuto, vivono nella paura e vergogna in silenzio, un silenzio che per noi è assordante.

Ultimamente le ragazze sulla strada sono aumentate e sono sempre più giovani. Spesso si tratta di ragazze arrivate con i barconi. Succede anche che nei Centri di Accoglienza alcuni gruppi lavorano sulle ragazzine più giovani per avviarle sulla strada. Le incontriamo in città e ci raccontano di provenire da Centri di Accoglienza di varie parti della Sicilia, ma alla richiesta di farci vedere il tesserino ci hanno risposto che lo avevano altri connazionali che timbravano per loro la presenza.

Quando andiamo da loro con l’Unità di Strada, ci accolgono, ci fanno festa, preghiamo insieme, ma basta un piccolo rumore per farle preoccupare. Hanno paura di essere viste. I magnaccia le picchiano se non portano i soldi a casa.

Spesso mi sono chiesta e mi chiedo ancora: Cosa ci dicono queste donne-bambine, nude, sulle nostre strade, a tutte le ore? Cosa ci dicono? Che nome dare ai clienti che sono i nostri nonni, mariti, fidanzati, figli, fratelli?

Queste sorelle sono lì, esposte ai "lupi", e molte di loro bevono alcool per trovare il coraggio di stare in strada.

Cosa facciamo a Palermo?

Presso la Caritas sono stati attivati alcuni servizi specifici rivolti alle vittime della tratta.

Servizi come: Ascolto, Accompagnamento psicologico, Consulenza legale, Collaborazione con Case di Accoglienza attive nel territorio regionale e nazionale.

Abbiamo attivato una Unità di Strada con uscite settimanali per incontrare le ragazze e instaurare con loro rapporti di fiducia e amicizia, e loro ci aspettano soprattutto per condividere momenti intensi di preghiera, anche con il canto e la danza, e ogni volta riceviamo riconoscenza e una crescente fiducia.

Le ragazze che incontriamo sono Africane, la maggior parte della Nigeria. Un‘altra Unità di Strada incontra ragazze dei paesi europei, provenienti dalla Bulgaria, dalla Polonia, ma soprattutto dalla Romania.

Abbiamo scritto una lettera indirizzata ai clienti che distribuiamo ai gruppi giovanili, nelle parrocchie e ai clienti, quando abbiamo l’occasione.

L’USMI Regionale, l’Associazione Comunicazione e Cultura Paoline ONLUS e la Caritas hanno organizzando, nella sede RAI di Palermo due Convegni sulla tratta in Sicilia, dal titolo: "Le Religiose si interrogano per conoscere – comprendere e agire", che è stato seguito in diretta streaming da migliaia di persone.

Altre realtà presenti a Palermo sono il Coordinamento Anti-tratta "Favour and Loveth" che prende il nome di due ragazze uccise alcuni anni fa e che unisce una trentina di Associazioni e Movimenti.

Il progetto: "Tratta, la Scuola non Tratta" che vede protagonisti gli studenti e docenti della scuola "Alessandro Volta" del quartiere Brancaccio.

La tratta degli esseri umani ci umilia. Ferisce la dignità di tutte le persone, sfigura il volto umano di bambini, uomini e donne vittime, e lacera vite e storie di vita individuale e famigliare.

La tratta scandalizza, stravolge la dignità umana e il volto umano di quanti fanno della tratta fonte di lucro e di piacere.

Papa Francesco nel suo messaggio per la giornata mondiale della pace 2015 ci sprona a non "voltare lo sguardo di fronte alle sofferenze dei nostri fratelli e sorelle in umanità, privati della libertà e della dignità, ma di avere il coraggio di toccare la carne sofferente di Cristo che si rende visibile attraverso i volti innumerevoli di coloro che Egli stesso chiama "questi miei fratelli più piccoli" (Mt. 25,40)".

Un grazie a Papa Francesco da parte di tutte noi.

[00186-01.01] [Testo originale: Italiano]

Testimonianza di Sr. Imelda Poole, IBVM

Mary Ward Loreto: Albania www.albaniahope.com - FB Marywardloreto

- Imelda Poole, IBVM, is the President of this Foundation constituted in Albania and whose core values are Freedom, Justice and Sincerity)

- Albania is a post communist country which has experienced only 14 years of any kind of stability in the recent past – it is now still suffering from extreme poverty and coping with a culture of deceit , passivity and fear. Most systems are dominated by actions of corruption because the systems are weak and the wages for all are very low.

- This means that the majority of people are vulnerable and open to being cheated and deceived.

- The culture is patriarchal and domestic violence in the home is extreme.

- MWL works to empower all the beneficiaries of the six projects for freedom, justice and truth. They work and fund a centre for the education of trafficked victims.

- MWL supports a school for 50 Roma children and their families who are reduced to forced begging and many other forms of labour trafficking. We have two projects for the economic empowerment of youth and women and we work for systemic change to confront bribery and corruption in the education system.

- All of this has opened us up to developing the networking circle and especially with the UK where the statistics tell us that in the last year the number of trafficked victims from Albania has increased by 60%.

- 2 stories: One Elida from the northern village spied upon and trafficked from the village.

Last week MWL received a phone call from a shelter in the UK, who found Rezarta in trauma on the street. MWL psychologist works on line with the victims in the UK from Albania.

- This cross border collaboration is at the heart of the Foundation, RENATE of which I am also the President. This is a European Foundation constituted under the Dutch law in 2009. It is a network of religious and co-workers coming form 20 european countries both in and outside the EU – www.renate-europe.net

- Story of Klara Marie.

- Training in Labour trafficking, Romania. Croatia - Viktoria and needing support, Slovakia – Film etc

[00188-02.01] [Original text: English]

Nota informativa

Testo in lingua italiana

Testo in lingua inglese

 

Testo in lingua italiana

TALITHA KUM è la Rete Internazionale della Vita Consacrata contro la Tratta di Persone (TIP) costituita dal Consiglio Direttivo della UISG il 21 settembre 2009. Il suo scopo principale è quello di "condividere e ottimizzare le risorse proprie della Vita Religiosa a favore degli interventi di prevenzione, di sensibilizzazione e di denuncia del traffico di persone e per la protezione e l’assistenza delle vittime e delle persone vulnerabili". Talitha Kum! Fanciulla, alzati! È la parola che Gesù rivolge alla bambina che era morta, ma viene risuscitata (Mc 5, 22-43). La nostra è una missione di speranza.

Cosa facciamo? Le nostre iniziative per fermare la tratta di persone seguono il paradigma descritto nel Protocollo di Palermo del 2000, vale a dire:

1. Protezione e assistenza delle vittime e delle persone vulnerabili offrendo loro:

a. Case rifugio e Centri per il recupero e reinserimento sociale

b. Cura socio-pastorale nei centri di detenzione e nei campi profughi

c. Equipes di strada per informazione, assistenza e sostegno

2. Prevenzione

1. Preparazione di operatori socio-pastorali qualificati, religiosi e laici, tramite i Corsi di Formazione contro la Tratta e altre iniziative formative.

2. Campagne di sensibilizzazione sul fenomeno della Tratta di Persone.

3. Campagne contro la Tratta in occasione di mega eventi.

4. Progetti di economia solidale allo scopo di offrire la stabilità economica ai gruppi in situazione di vulnerabilità.

5. Programmi di protezione dell’infanzia per bambini/e a rischio di sfruttamento e tratta.

3. Denuncia delle cause, di casi di tratta di persona e azioni di lobbying presso i governi perché introducano leggi per perseguire i criminali coinvolti nel traffico di esseri umani.

Collaborazione

Talitha Kum opera in rete a livello locale, nazionale e internazionale con organizzazioni ecclesiali, governative e non governative. In particolare il coordinamento centrale di Talitha Kum, con sede in Roma, collabora con gli organismi dello Stato del Vaticano che operano con la stessa finalità.

Le 24 reti locali, membri di Talitha Kum stabiliscono diverse forme di collaborazione a seconda dei contesti e delle necessità:

Formando nuclei anti tratta.

Partecipando o promuovendo azioni interdisciplinari nei diversi livelli di protezione e assistenza alle vittime, prevenzione e denuncia.

Costruendo rapporti di collaborazione in vista di opportunità lavorative per i sopravvissuti.

Dove sono le reti? Le reti sono attive in 81 Paesi, in tutti i Continenti. (vedi lista sul retro)

Cosa ci motiva?

- La sequela di Gesù Cristo che ci chiama con lui: "per portare ai poveri il lieto annuncio, proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libertà gli oppressi…"(Lc 4, 18-19).

- la contemplazione della Parola di Dio che è luce ai nostri passi e fonte della nostra speranza.

- La condivisione dei diversi carismi congregazionali per promuovere la comunione tra noi e con tutta l’umanità.

Cosa puoi fare?

1. Rompere il silenzio e l’indifferenza sulla Tratta di Persone

2. Promuovere una cultura della vita che rispetti la dignità di ogni persona

3. Impegnarsi a diffondere informazioni sulla tratta e le sue cause.

[00175-01.01] [Testo originale: Italiano]

Testo in lingua inglese

TALITHA KUM is the International Network of Consecrated Life Against Trafficking in Persons (TIP) constituted by the UISG Executive Board on Sept. 21, 2009. Its main aim is "to share and maximize resources that Religious Life has on behalf of prevention, awareness raising and denouncement of trafficking in persons and protection and assistance of victims and vulnerable persons."

Talitha Kum, Little girl, arise!, are the words that Jesus addressed to the little girl who was dead but was raised to life (Mk 5, 22-43). Ours is a mission of hope.

What do we do? Our initiatives to stop trafficking in persons follow the paradigm described in

the Palermo Protocol of 2000, namely:

1. Protection and assistance of victims and vulnerable persons through the provision of:

a. Shelters and Centers for healing and recovery

b. Pastoral care in detention centers and in refugee camps

c. Rescue operations

2. Prevention

1. Preparation of trained pastoral workers, Religious and Lay, through Counter-Trafficking Training Courses and other educational initiatives.

2. Education campaigns to raise public awareness of TIP.

3. Counter Trafficking campaigns during large events.

4. Incoming generating projects aimed at providing economic stability to vulnerable persons.

5. Child Protection Programs to prevent children from falling prey to TIP.

3. Denounce of the causes of the phenomenon and prosecute cases of human trafficking. Lobby governments to introduce laws to prosecute the criminals involved in human trafficking.

Partnership

Talitha Kum has established partnerships at a local, national and international level with governments, professionals, faith-based and other organizations. The Central Coordinating office of Talitha Kum, based in Rome, works with the Vatican Dicasteries operating in this same field.

The 24 local networks, members of Talitha Kum, have developed various other partnerships according to different contexts and needs:

1. Forming anti-trafficking groups and networks

2. Establishing or promoting Interdisciplinary case management in the healing and recovery of survivors

3. Building partnerships for job placement and the employment of survivors

Where are the networks? The 24 member networks are based in 81 countries, on all continents. (See the list on the reverse side of this page)

What encourages us?


- The following of Jesus Christ, who calls us to be with Him to " proclaim the good news to the poor. To proclaim freedom for the prisoners and recovery of sight for the blind, to set the oppressed free…" (Lk 4:18-19).

- The contemplation of the Word of God, that is lamp unto my feet and source of our hope.

- The sharing between the various congregational Charisms to promote the communion among us and with all humanity.

 

What can you do?

1. Break the silence and indifference about TIP

2. Promote a culture of life with respect for the dignity of each person.

3. Commit to sharing information about the extent and causes of trafficking.

* * *

TALITHA KUM - Central Coordinating Team Rome

 

Name

Congregation

Contact E-mail

Tel. Number

Gabriella Bottani

Suore Miss. Comboniane

uisg_talithakum@yahoo.it

333.1207842

Albertina Pauletti

Suore Scalabriniane

uisg_talithakum@yahoo.it

06/39377320

Aurelia Agredano

Adoratici

uisg_talithakum@yahoo.it

06/44237028

Elisabetta Flick

Ausiliatrici del Purgatorio

uisg_talithakum@yahoo.it

349.4685773

Raquel Diaz

Carmelitane Missionarie

uisg_talithakum@yahoo.it

06/535472

Elizabeth Pedernal

Suore Scalabriniane

uisg_talithakum@yahoo.it

06/39377320

Marie Lemert

Sacred Hearts of Jesus & Mary

uisg_talithakum@yahoo.it

 

 

TALITHA KUM - LOCAL NETWORK AND CONTINENTAL COORDINATORS

 

Network

Sister Coordinator

Active Contact email

Communication Language/Status

AFRICA

1.     ANAHT

2.     EARN A TIP

3.     CTIP

4.     Mans dain le main

Sr. Patricia Ebegbulem

pnebegbulem@yahoo.com

English/Active

Sr. Patricia Ebegbulem

pnebegbulem@yahoo.com

English/Active

Sr. Jane Joan

janeolc@gmail.com

English/Occasional

Sr. Melanie O’Connor

MOConnor@sacbc.org.za

English/Active

Sr. Jeanette Londajim

jlondadjim@yahoo.fr

French/Occasional

ASIA

1.     TK Southeast Asia TK Thailand

TK Korea

TK Philippines TK Indonesia TK Malaysia-Singapore

2.      AMRAT (South Asia)

Sr. Marivic Sta. Ana

mvps89@yahoo.com

English/ Active

Sr. Adelyn Abamo

apwrath@apwrath.org

English/Occasional

Sr. Kanlaya Trisopa

srktrisopa@gmail.com

English/Active

Fr. Emmanuel Chan

huremman@gmail.com

English/Active

Sr. Adelyn Abamo

apwrath@apwrath.org

English/Active

Sr. Veronica

veroendah@yahoo.com

English/occasional

Sr. Mary Soh

marysohfmm@yahoo.co.uk

English/Occasional

Sr. Sahaya Mary

sahayaamrat14@gmail.com

English/Active

EUROPE RENATE

·       APT (Ireland)

·       Albania

·       Portugal

·       Spain

·       Italy

Sr. Dagmar Plum

mms.plum@googlemail.com

English/Active

Sr. Dagmar Plum

mms.plum@googlemail.com

English/Active

Sr. Catherine Dunne

ferrybankss@eircom.net

English/Active

Sr. Imelda Poole

imeldapoole@gmail.com

English/Active

Sr. Julia Barroso

juliakc.barroso@gmail.com

Portuguese/Active

Sr. Rosario Echari

rosecharri@yahoo.es

Spanish/Occasional

Sr. Eugenia Bonetti

ebonettimc@pcn.net

Italian/ Active

LATIN AMERICA

1.     Um grito pela vida

2.     Red Kawsay

3.     Red Rama

 

 

/

Sr. Eurides Oliveira

ireurides@hotmail.com

Portuguese/Active

Sr. Maria Silvia Olivera

mariasilviaolivera@gmail.com

Spanish/Active

Sr. Carmela Isquierdo

carmelag21@hotmail.com

Spanish/ Active

NORTH AMERICA

1.     CATHII

2.     USCSAHT

 

 

 

Louise Dionne

Idionne.cathii@gmail.com

French/ Active

Sr. Anne Victory

avictory@hmministry.org

English/Active

OCEANIA

1.     ACRATH

2.     ANZRATH

Sr. Noelene Simmons

nswprojects@acrath.org.au

English/ Active

Sr. Noelene Simmons

nswprojects@acrath.org.au

English/ Active

Sr. Gemma Wilson

gemmafwilson@yahoo.co.uk

English/ Active

[00175-02.01] [Original text: English]

[B0088-XX.01]