www.vatican.va

Back Top Print Pdf


Lettera del Santo Padre al Primo Ministro dell’Australia in occasione del Vertice del G20 (Brisbane, 15-16 novembre 2014), 11.11.2014


Lettera del Santo Padre

Testo in lingua italiana

Pubblichiamo di seguito il testo della Lettera inviata da Papa Francesco al Primo Ministro dell’Australia, S.E. Tony Abbott, in vista del Vertice dei Capi di Stato e di Governo dei 20 Paesi con le maggiori economie (G20) che si svolge a Brisbane nei giorni 15 e 16 novembre:

Lettera del Santo Padre

To the Honourable Tony Abbott
Prime Minister of Australia

On 15 and 16 November next in Brisbane you will chair the Summit of Heads of State and Government of the world’s twenty largest economies, thus bringing to a close Australia’s presidency of the Group over the past year. This presidency has proved to be an excellent opportunity for everyone to appreciate Oceania’s significant contributions to the management of world affairs and its efforts to promote the constructive integration of all countries.

The G20 agenda in Brisbane is highly focused on efforts to relaunch a sustained and sustainable growth of the world economy, thereby banishing the spectre of global recession. One crucial point that has emerged from the preparatory work is the fundamental imperative of creating dignified and stable employment for all. This will call for improvement in the quality of public spending and investment, the promotion of private investment, a fair and adequate system of taxation, concerted efforts to combat tax evasion and a regulation of the financial sector which ensures honesty, security and transparency.

I would ask the G20 Heads of State and Government not to forget that many lives are at stake behind these political and technical discussions, and it would indeed be regrettable if such discussions were to remain purely on the level of declarations of principle. Throughout the world, the G20 countries included, there are far too many women and men suffering from severe malnutrition, a rise in the number of the unemployed, an extremely high percentage of young people without work and an increase in social exclusion which can lead to criminal activity and even the recruitment of terrorists. In addition, there are constant assaults on the natural environment, the result of unbridled consumerism, and this will have serious consequences for the world economy.

It is my hope that a substantial and productive consensus can be achieved regarding the agenda items. I likewise hope that the assessment of the results of this consensus will not be restricted to global indices but will take into account as well real improvements in the living conditions of poorer families and the reduction of all forms of unacceptable inequality. I express these hopes in light of the post-2015 Development Agenda to be approved by the current session of the United Nations Assembly, which ought to include the vital issues of decent work for all and climate change.

The G20 Summits, which began with the financial crisis of 2008, have taken place against the terrible backdrop of military conflicts, and this has resulted in disagreements between the Group’s members. It is a reason for gratitude that those disagreements have not prevented genuine dialogue within the G20, with regard both to the specific agenda items and to global security and peace. But more is required. The whole world expects from the G20 an ever broader agreement which can lead, through the United Nations legal system, to a definitive halt to the unjust aggression directed at different religious and ethnic groups, including minorities, in the Middle East. It should also lead to eliminating the root causes of terrorism, which has reached proportions hitherto unimaginable; these include poverty, underdevelopment and exclusion. It has become more and more evident that the solution to this grave problem cannot be a purely military one, but must also focus on those who in one way or another encourage terrorist groups through political support, the illegal oil trade or the provision of arms and technology. There is also a need for education and a heightened awareness that religion may not be exploited as a means of justifying violence.

These conflicts leave deep scars and result in unbearable humanitarian situations around the world. I take this opportunity to ask the G20 Member States to be examples of generosity and solidarity in meeting the many needs of the victims of these conflicts, and especially of refugees. The situation in the Middle East has revived debate about the responsibility of the international community to protect individuals and peoples from extreme attacks on human rights and a total disregard for humanitarian law. The international community, and in particular the G20 Member States, should also give thought to the need to protect citizens of all countries from forms of aggression that are less evident but equally real and serious. I am referring specifically to abuses in the financial system such as those transactions that led to the 2008 crisis, and more generally, to speculation lacking political or juridical constraints and the mentality that maximization of profits is the final criterion of all economic activity. A mindset in which individuals are ultimately discarded will never achieve peace or justice. Responsibility for the poor and the marginalized must therefore be an essential element of any political decision, whether on the national or the international level.

With this Letter I express my appreciation for your work, Prime Minister, and I offer my prayerful encouragement for the deliberations and outcome of the Summit. I invoke divine blessings on all taking part and on all the citizens of the G20 countries. In a particular way, I offer you my prayerful best wishes for the successful conclusion of Australia’s presidency and I willingly assure you of my highest consideration.

From the Vatican, 6 November 2014

Francis

[01789-02.01] [Original text: English]

Testo in lingua italiana

A Sua Eccellenza Tony Abbott
Primo Ministro dell’Australia

Il 15 e 16 novembre prossimo a Brisbane, Ella presiederà il Vertice dei Capi di Stato e di Governo dei 20 Paesi con le maggiori economie, portando in tal maniera a termine la Presidenza australiana del Gruppo dei 20 nell’anno trascorso. La Presidenza ha dato prova di rappresentare una eccellente opportunità per tutti di apprezzare il significativo contributo dato dall’Oceania nella gestione delle problematiche mondiali e dei suoi sforzi per promuovere una costruttiva integrazione di tutti i Paesi.

L’agenda del G20 a Brisbane è particolarmente concentrata sugli sforzi per rilanciare un progetto di crescita sostenibile dell’economia mondiale, allontanando in tal modo lo spettro della recessione globale. Dal lavoro preparatorio è emerso un punto cruciale, vale a dire, l’imperativo di creare opportunità d’impiego dignitose, stabili e a favore di tutti. Questo presuppone e richiede un miglioramento nella qualità della spesa pubblica e degli investimenti, la promozione di investimenti privati, un equo e adeguato sistema di tassazione, uno sforzo concertato per combattere l’evasione fiscale e una regolamentazione del settore finanziario, che garantisca onestà, sicurezza e trasparenza.

Vorrei chiedere ai Capi di Stato e di Governo del G20 di non dimenticare che dietro queste discussioni politiche e tecniche sono in gioco molte vite e che sarebbe davvero increscioso se tali discussioni dovessero rimanere puramente al livello di dichiarazioni di principio. Nel mondo, incluso all’interno degli stessi Paesi appartenenti al G20, ci sono troppe donne e uomini che soffrono a causa di grave malnutrizione, per la crescita del numero dei disoccupati, per la percentuale estremamente alta di giovani senza lavoro e per l’aumento dell’esclusione sociale che può portare a favorire l’attività criminale e perfino il reclutamento di terroristi. Oltre a ciò, si riscontra una costante aggressione all’ambiente naturale, risultato di uno sfrenato consumismo e tutto questo produrrà serie conseguenze per l’economia mondiale.

È mia speranza che possa essere raggiunto un sostanziale ed effettivo consenso circa i temi posti in agenda. Allo stesso modo, spero che le valutazioni dei risultati di questo consenso non si restringeranno agli indici globali, ma prenderanno parimenti in considerazione il reale miglioramento delle condizioni di vita delle famiglie più povere e la riduzione di tutte le forme di inaccettabile disuguaglianza. Formulo queste speranze in vista dell’Agenda post-2015, che sarà approvata dalla corrente sessione dell’Assemblea delle Nazioni Unite, che dovrebbe includere gli argomenti vitali del lavoro dignitoso per tutti e del cambiamento climatico.

I Vertici del G20, che iniziarono con la crisi finanziaria del 2008, si sono svolti sul drammatico sfondo di conflitti militari, e questo ha prodotto disaccordi tra i membri del Gruppo. È motivo di gratitudine che tali disaccordi non abbiano impedito un dialogo genuino all’interno del G20, con riferimento sia ai temi specificamente in agenda che a quelli della sicurezza globale e della pace. Ma questo non basta. Il mondo intero si attende dal G20 un accordo sempre più ampio che possa portare, nel quadro dell’ordinamento delle Nazioni Unite, a un definitivo arresto nel Medio Oriente dell’ingiusta aggressione rivolta contro differenti gruppi, religiosi ed etnici, incluse le minoranze. Dovrebbe inoltre condurre ad eliminare le cause profonde del terrorismo, che ha raggiunto proporzioni finora inimmaginabili; tali cause includono la povertà, il sottosviluppo e l’esclusione. È diventato sempre più evidente che la soluzione a questo grave problema non può essere esclusivamente di natura militare, ma che si deve anche concentrare su coloro che in un modo o nell’altro incoraggiano gruppi terroristici con l’appoggio politico, il commercio illegale di petrolio o la fornitura di armi e tecnologia. Vi è inoltre la necessità di uno sforzo educativo e di una consapevolezza più chiara che la religione non può essere sfruttata come via per giustificare la violenza.

Questi conflitti lasciano profonde cicatrici e producono in varie parti del mondo situazioni umanitarie insopportabili. Colgo questa opportunità per chiedere agli Stati Membri del G20 di essere esempi di generosità e di solidarietà nel venire incontro alle tante necessità delle vittime di questi conflitti, e specialmente nei confronti dei rifugiati.

La situazione nel Medio Oriente ha riproposto il dibattito sulla responsabilità della comunità internazionale di proteggere gli individui e i popoli da attacchi estremi ai diritti umani e contro il totale disprezzo del diritto umanitario. La comunità internazionale, e in particolare gli Stati Membri del G20 dovrebbero anche preoccuparsi della necessità di proteggere i cittadini di ogni Paese da forme di aggressione, che sono meno evidenti, ma ugualmente reali e gravi. Mi riferisco specificamente agli abusi nel sistema finanziario, come quelle transazioni che hanno portato alla crisi del 2008 e più in generale alla speculazione sciolta da vincoli politici o giuridici e alla mentalità che vede nella massimizzazione dei profitti il criterio finale di ogni attività economica. Una mentalità nella quale le persone sono in ultima analisi scartate non raggiungerà mai la pace e la giustizia. Tanto a livello nazionale come a livello internazionale, la responsabilità per i poveri e gli emarginati deve perciò essere elemento essenziale di ogni decisione politica.

Con la presente lettera, desidero esprimere il mio apprezzamento per il vostro lavoro, Signor Primo Ministro, ed offrire il mio incoraggiamento e la mia preghiera per le deliberazioni che dovranno essere adottate e per la riuscita del Vertice. Invoco la benedizione divina su tutti coloro che prendono parte a questo incontro e su tutti i cittadini dei Paesi del G20. In modo particolare, esprimo i miei più sentiti auguri, insieme alla mia preghiera, per la felice conclusione della presidenza dell’Australia e volentieri Le assicuro la mia più alta considerazione.

Dal Vaticano, 6 novembre 2014

Francesco

[01789-01.01] [Testo originale: Italiano]

[B0840-XX.01]