www.vatican.va

Back Top Print Pdf


CONFERENZA STAMPA PER ILLUSTRARE LA PRESENZA DEL PAPA SU TWITTER, 03.12.2012


Questa mattina alle ore 11.30, nell’Aula Giovanni Paolo II della Sala Stampa della Santa Sede ha luogo una Conferenza stampa per illustrare la presenza del Papa su Twitter e per fornire altre informazioni sull’uso dei nuovi media in Vaticano.
Intervengono alla Conferenza stampa S.E. Mons. Claudio Maria Celli, Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali; Mons. Paul Tighe, Segretario del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali; P. Federico Lombardi, S.I., Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, della Radio Vaticana e del Centro Televisivo Vaticano; il Prof. Gian Maria Vian, Direttore de L’Osservatore Romano; il Dott. Greg Burke, Media Adviser, Segreteria di Stato. Sono presenti inoltre la Dott.ssa Claire Díaz-Ortiz, Direttore di Social Innovation per Twitter e il Dr. Dirk Hensen, portavoce di Twitter per la Germania.
Di seguito pubblichiamo una Nota sulla presenza del Papa su Twitter e una scheda informativa:

PERCHÉ IL PAPA SU TWITTER

 TESTO IN LINGUA INGLESE

 TRADUZIONE IN LINGUA ITALIANA

 TESTO IN LINGUA INGLESE

The Pope’s presence on Twitter is a concrete expression of his conviction that the Church must be present in the digital arena. This initiative is best understood in the context of his reflections on the importance of the cultural space that has been brought into being by the new technologies. In his Message for World Communications Day 2009, which was published on the same day as the Vatican’s Youtube channel was opened, Pope Benedict spoke of the necessity of evangelizing the ‘digital continent’ and he invited young believers, in particular, to introduce into the culture of this new environment of communications and information technology the values on which you have built your lives.

In 2010, he invited priests to see the possibility of sharing the Word of God through their engagement with new media: the new media offer ever new and far-reaching pastoral possibilities, encouraging them to embody the universality of the Church’s mission, to build a vast and real fellowship, and to testify in today’s world to the new life which comes from hearing the Gospel of Jesus, the eternal Son who came among us for our salvation. In his Message for 2011, he specified that: The web is contributing to the development of new and more complex intellectual and spiritual horizons, new forms of shared awareness. In this field too we are called to proclaim our faith that Christ is God, the Saviour of humanity and of history, the one in whom all things find their fulfilment (cf. Eph 1:10). In this year’s Message, the Holy Father was even more precise: Attention should be paid to the various types of websites, applications and social networks which can help people today to find time for reflection and authentic questioning, as well as making space for silence and occasions for prayer, meditation or sharing of the word of God. In concise phrases, often no longer than a verse from the Bible, profound thoughts can be communicated, as long as those taking part in the conversation do not neglect to cultivate their own inner lives.

The Pope’s presence on Twitter can be seen as the ‘tip of the iceberg’ that is the Church’s presence in the world of new media. The Church is already richly present in this environment – there exist a whole range of initiatives from the official websites of various institutions and communities to the personal sites, blogs and micro-blogs of public church figures and of individual believers. The Pope’s presence in Twitter is ultimately an endorsement of the efforts of these ‘early adapters’ to ensure that the Good News of Jesus Christ and the teaching of his Church is permeating the forum of exchange and dialogue that is being created by social media. His presence is intended to be an encouragement to all Church institutions and people of faith to be attentive to develop an appropriate profile for themselves and their convictions in the ‘digital continent’. The Pope’s tweets will be available to believers and non-believers to share, discuss and to encourage dialogue. It is hoped that the Pope’s short messages, and the fuller messages that they seek to encapsulate, will give rise to questions for people from different countries, languages and cultures. These questions can in turn be engaged by local Church leaders and believers who will be best positioned to address the questions and, more importantly, to be close to those who question. Amid the complexity and diversity of the world of communications, however, many people find themselves confronted with the ultimate questions of human existence: Who am I? What can I know? What ought I to do? What may I hope? It is important to affirm those who ask these questions, and to open up the possibility of a profound dialogue (Communications Day Message, 2012).

Part of the challenge for the Church in the area of new media is to establish a networked or capillary presence that can effectively engage the debates, discussions and dialogues that are facilitated by social media and that invite direct, personal and timely responses of a type that are not so easily achieved by centralized institutions. Moreover, such a networked or capillary structure reflects the truth of the Church as a community of communities which is alive both universally and locally. The Pope’s presence in Twitter will represent his voice as a voice of unity and leadership for the Church but it will also be a powerful invitation to all believers to express their ‘voices’, to engage their ‘followers’ and ‘friends’ and to share with them the hope of the Gospel that speaks of God’s unconditional love for all men and women.

In addition to the direct engagement with the questions, debates and discussions of people that is facilitated by new media, the Church recognizes the importance of new media as an environment that allows to teach the truth that the Lord has passed to His Church, to listen to others, to learn about their cares and concerns, to understand who they are and for what they are searching. When messages and information are plentiful, silence becomes essential if we are to distinguish what is important from what is insignificant or secondary. Deeper reflection helps us to discover the links between events that at first sight seem unconnected, to make evaluations, to analyze messages; this makes it possible to share thoughtful and relevant opinions, giving rise to an authentic body of shared knowledge (Message, 2012). It is for this reason that it has been decided to launch the Pope’s Twitter channel with a formal question and answer format. This launch is also an indication of the importance that the Church gives to listening and is a warranty of its ongoing attentiveness to the conversations, commentaries and trends that express so spontaneously and insistently the preoccupations and hopes of people.

[01618-02.01] [Original text: English]

 TRADUZIONE IN LINGUA ITALIANA

La presenza del Papa su Twitter è un’espressione concreta della sua convinzione che la Chiesa deve essere presente nel mondo digitale. Per comprendere al meglio questa iniziativa dobbiamo collocarci nel contesto della sua riflessione sull’importanza dello spazio culturale che le nuove tecnologie hanno posto in essere. Nel suo Messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali del 2009, pubblicato nel medesimo giorno in cui veniva inaugurato il canale della Santa Sede su Youtube, Papa Benedetto parlava della necessità di evangelizzare il "continente digitale" e invitava in particolare i giovani credenti a "introdurre nella cultura di questo nuovo ambiente comunicativo e informativo i valori su cui poggia la vostra vita".

Nel 2010, il Papa invitava i sacerdoti a cogliere la possibilità di diffondere la Parola di Dio mediante il loro impegno nell’ambito dei nuovi media: "I nuovi media, pertanto, offrono innanzitutto ai Presbiteri prospettive sempre nuove e pastoralmente sconfinate, che li sollecitano a valorizzare la dimensione universale della Chiesa, per una comunione vasta e concreta; ad essere testimoni, nel mondo d’oggi, della vita sempre nuova, generata dall’ascolto del Vangelo di Gesù, il Figlio eterno venuto fra noi per salvarci" Nel Messaggio per la Giornata del 2011, Papa Benedetto specificava che: "II web sta contribuendo allo sviluppo di nuove e più complesse forme di coscienza intellettuale e spirituale, di consapevolezza condivisa. Anche in questo campo siamo chiamati ad annunciare la nostra fede che Cristo è Dio, il Salvatore dell’uomo e della storia, Colui nel quale tutte le cose raggiungono il loro compimento (cfr Ef 1,10)". Nel Messaggio per la Giornata di quest’anno il Santo Padre entra ancor di più nel dettaglio: "Sono da considerare con interesse le varie forme di siti, applicazioni e reti sociali che possono aiutare l’uomo di oggi a vivere momenti di riflessione e di autentica domanda, ma anche a trovare spazi di silenzio, occasioni di preghiera, meditazione o condivisione della Parola di Dio. Nella essenzialità di brevi messaggi, spesso non più lunghi di un versetto biblico, si possono esprimere pensieri profondi se ciascuno non trascura di coltivare la propria interiorità".

La presenza del Papa su Twitter può essere vista come la punta di quell’iceberg che è la presenza della Chiesa nel mondo dei nuovi media. La Chiesa è già presente in maniera abbondante in questo ambiente – esista una vasta gamma di iniziative, dai siti internet ufficiali di varie istituzioni e comunità, ai siti personali, blogs e micro-blogs di personalità del mondo ecclesiale e di singoli credenti. La presenza del Papa su Twitter è in definitiva un appoggio agli sforzi di questi pionieri di assicurare che la buona notizia di Gesù Cristo e l’insegnamento della sua Chiesa possano permeare quel luogo pubblico di scambio e di dialogo che è stato creato dai social media. La presenza del Papa vuole essere un incoraggiamento a tutte le istituzioni ecclesiali e ai credenti a porre attenzione nello sviluppare un profilo appropriato per sé e per le proprie convinzioni nel "continente digitale". I "tweets" del Papa saranno disponibili a credenti e non credenti per condividere, discutere e incoraggiare il dialogo. C’è da sperare che i brevi messaggi del Papa, e i messaggi più completi che essi cercheranno di portare in sé, sollevino domande per gente di differenti Paesi, lingue e culture. Queste domande potranno a loro volta essere affrontate dai credenti e dai responsabili delle Chiese locali, che si troveranno nella posizione migliore per misurarsi con esse e, ancor più importante, per essere vicini a coloro che si interrogano. "Nel complesso e variegato mondo della comunicazione emerge, comunque, l’attenzione di molti verso le domande ultime dell’esistenza umana: chi sono? che cosa posso sapere? che cosa devo fare? che cosa posso sperare? E’ importante accogliere le persone che formulano questi interrogativi, aprendo la possibilità di un dialogo profondo" (Messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2012).

Parte della sfida per la Chiesa nel mondo dei nuovi media è stabilire una presenza ramificata, capillare, che possa effettivamente misurarsi con i dibattiti, le discussioni e i dialoghi che sono veicolati dai social media, che richiedono repliche dirette, personali e puntuali, di un tipo non facile da raggiungere da parte di istituzioni centralizzate. Per di più, una tale presenza ramificata o capillare riflette la verità della Chiesa come comunità di comunità, che è viva sia sul piano locale che su quello universale. La presenza del Papa su Twitter rappresenterà la sua voce come voce di unità e di guida per la Chiesa, ma costituirà anche un pressante invito a tutti i credenti ad esprimere le loro "voci", a coinvolgere i propri rispettivi "followers" e "amici" e a condividere con loro la speranza di un Vangelo che parla dell’incondizionato amore di Dio per ogni uomo e donna.

In aggiunta all’impegno diretto con le domande, i dibattiti e le discussioni tra le persone che sono facilitate dai nuovi media, la Chiesa riconosce la loro importanza quale ambiente che permette di insegnare la verità che il Signore ha trasmesso alla sua Chiesa, e al tempo stesso di ascoltare gli altri, di apprendere ciò che sta loro a cuore e le loro preoccupazioni, di comprendere chi essi sono e cosa stanno cercando. "Là dove i messaggi e l’informazione sono abbondanti, il silenzio diventa essenziale per discernere ciò che è importante da ciò che è inutile o accessorio. Una profonda riflessione ci aiuta a scoprire la relazione esistente tra avvenimenti che a prima vista sembrano slegati tra loro, a valutare, ad analizzare i messaggi; e ciò fa sì che si possano condividere opinioni ponderate e pertinenti, dando vita ad un’autentica conoscenza condivisa" (Messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2012). È per questo motivo che si è deciso di lanciare il canale di Twitter del Papa secondo un formato di domanda e risposta. Questo lancio è anche un’i ndicazione dell’importanza che la Chiesa attribuisce all’ascolto ed è una prova della sua costante attenzione alle conversazioni, ai commenti e ai trend che esprimono in maniera così spontanea ed insistente preoccupazioni e speranze delle persone.

[01618-01.01] [Testo originale: Inglese]

SCHEDA INFORMATIVA

 TESTO  IN LINGUA INGLESE

 TRADUZIONE  IN LINGUA ITALIANA

 TESTO  IN LINGUA INGLESE

Twitter Fact Sheet

- Pope Tweets from his own handle will begin 12 December, Feast of Our Lady of Guadalupe

- Initial Tweets will come with the Wednesday general audiences, although they could also become more frequent

- The first Tweets, on Dec. 12, will be in response to questions put to the Pope about faith and belief

- the public can send question between now and Dec. 12 to askpontifex, in all languages listed below

- The official Papal handle in @pontifex

- In addition to English, Tweets will also go out in the following languages:

Spanish

@pontifex_es

Italian

@pontifex_it

Portuguese

@pontifex_pt

German

@pontifex_de

Polish

@pontifex_pl

Arabic

@pontifex_ar

French

@pontifex_fr

- Other languages could be added in the future

More Information available at http://blog.twitter.com/

[01619-02.01] [Original text: English]

 TRADUZIONE  IN LINGUA ITALIANA

- Il Santo Padre lancerà i primi tweet il 12 dicembre, festa di Nostra Signora di Guadalupe.

- Inizialmente i tweet saranno pubblicati in occasione dell’udienza generale del mercoledì, ma in seguito potrebbero avere una frequenza maggiore.

- I primi tweet risponderanno alle domande indirizzate al Papa su questioni relative alla vita di fede.

- Le domande possono essere inviate fino al 12 dicembre a #askpontifex, nelle lingue sotto elencate.

- Questo l'account ufficiale del Santo Padre: @pontifex.

- I tweet saranno pubblicati in inglese, e nelle lingue seguenti:

Spagnolo

@pontifex_es

Italiano

@pontifex_it

Portoghese

@pontifex_pt

Tedesco

@pontifex_de

Polacco

@pontifex_pl

Arabo

@pontifex_ar

Francese

@pontifex_fr

- Altre lingue potrebbero essere aggiunte in seguito.

Per ulteriori informazioni, vedere http://blog.twitter.com/

[01619-01.01] [Testo originale: Inglese]

[B0705-XX.02]