www.vatican.va

Back Top Print Pdf


DALLE CHIESE ORIENTALI CATTOLICHE, 12.10.2000


DALLE CHIESE ORIENTALI CATTOLICHE

● ASSENSO DEL SANTO PADRE ALL’EREZIONE DI TRE NUOVE EPARCHIE IN UCRAINA E ALLA NOMINA DEI RELATIVI VESCOVI 

 EREZIONE DELL’EPARCHIA DI BUCAC E NOMINA DEL PRIMO VESCOVO 

 EREZIONE DELL’EPARCHIA DI STRYJ E NOMINA DEL PRIMO VESCOVO

 EREZIONE DELL’EPARCHIA DI SOKAL-ZHOVKVA E NOMINA DEL PRIMO VESCOVO

 EREZIONE DELL’EPARCHIA DI BUCAC E NOMINA DEL PRIMO VESCOVO 

Il Santo Padre ha dato la Sua benedizione all’erezione effettuata a norma dei canoni dal Sinodo dei Vescovi della Chiesa Ucraina della nuova Eparchia di Bucac, eretta per smembramento dell’Eparchia di Ternopil.

Il Santo Padre ha dato la Sua benedizione al trasferimento effettuato a norma dei canoni dal Sinodo dei Vescovi della Chiesa Ucraina di S.E. Mons. Irynej Bilyk, O.S.B.M., dalla sede titolare di Nove alla sede vescovile di nuova creazione di Bucac.

 

○ S.E. Mons. Irynej Bilyk, O.S.B.M.

S.E. Mons. Irynej Bilyk è nato il 2 gennaio 1950 a Kniazhpil nell'Eparchia di Sambir Drohobych. Dal 1965 al 1967 ha frequentato l'Istituto tecnico di Lviv. Nel 1967 si è iscritto all'Università di Lviv, ma è stato costretto a sospendere gli studi, a motivo della sua fede. Dal 1968 al 1972 ha frequentato la facoltà di fisica e matematica dell'Università di Uzhorod. Dopo il servizio militare (1972-1974) ha continuato gli studi alla facoltà di fisica e matematica dell'Università di Kyiv. Ha lavorato nell'Istituto di fisiologia dell'Accademia delle Scienze dell'Ucraina nel Caucaso. Nell'ottobre 1967 è entrato dai Padri Basiliani a Dobromyl. Ha fatto la professione religiosa il 13 ottobre 1978. È stato ordinato sacerdote il 14 ottobre 1978. È stato ordinato vescovo il 15 agosto 1989. Riacquistata da parte della Chiesa cattolica la libertà di svolgere attività religiose, il Santo Padre, in data 16 gennaio 1991, ha nominato S.E. Mons. Irynej Bilyk Ausiliare di Ivano-Frankivsk degli Ucraini.

○ Dati Statistici sull’Eparchia di Bucac

L'Eparchia di Bucac viene smembrata dall'Eparchia di Ternopil.

Per la sede viene designata la città di Bucac. La superficie è di 5.165 kmq. La popolazione è di 408.520 abitanti, dei quali 285.830 greco-cattolici. L'Eparchia consiste in 11 decanati, 308 parrocchie, 130 sacerdoti e 4 case religiose.

 EREZIONE DELL’EPARCHIA DI STRYJ E NOMINA DEL PRIMO VESCOVO

Il Santo Padre ha dato la Sua benedizione all’erezione effettuata a norma dei canoni dal Sinodo dei Vescovi della Chiesa Ucraina della nuova Eparchia di Stryj, eretta per smembramento dell’Arcieparchia di Lviv.

Il Santo Padre ha dato la Sua benedizione al trasferimento effettuato a norma dei canoni dal Sinodo dei Vescovi della Chiesa Ucraina di S.E. Mons. Julian Gbur, S.V.D., dalla sede titolare di Bareta alla sede di nuova creazione di Stryj.

○ S.E. Mons. Julian Gbur, S.V.D.

S.E. Mons. Julian Gbur è nato il 14 novembre 1942 a Brzezawa, nell'Arcieparchia di Przemysl-Warszawa di rito bizantino-ucraino, in Polonia. Nel 1959 è entrato nel noviziato dei Padri Verbiti e ha compiuto gli studi filosofico-teologici nel Seminario Maggiore dei Verbiti di Pieniezno. Il 21 giugno 1970 è stato ordinato sacerdote. Negli anni 1970-73 ha lavorato tra i fedeli greco-cattolici a Cracovia. Dal 1973 fino alla sua nomina vescovile nel 1994 egli è stato parroco a Gorowo Ilowieckie per i greco-cattolici. Nel 1989 è stato nominato decano di Olsztyn e nel 1990 anche Protosincello (Vicario Generale) dell'allora Eparchia di Przemysl di rito bizantino-ucraino in Polonia. Il 30 marzo 1994 egli è stato eletto Vescovo Ausiliare di Lviv degli Ucraini, e ha ricevuto l’ordinazione episcopale il 7 luglio 1994.

○ Dati statistici sull’Eparchia di Stryj

L'Eparchia di Stryj viene smembrata dall'Arcieparchia di Lviv degli Ucraini.

Per la sede viene designata la città di Stryj. La superficie è 4.600 kmq. La popolazione conta 475.900 abitanti, dei quali 235.562 greco-cattolici. L’Eparchia ha 16 decanati, 363 parrocchie, 214 sacerdoti e 8 case religiose.

 EREZIONE DELL’EPARCHIA DI SOKAL-ZHOVKVA E NOMINA DEL PRIMO VESCOVO

Il Santo Padre ha dato la Sua benedizione all’erezione effettuata a norma dei canoni dal Sinodo dei Vescovi della Chiesa Ucraina della nuova Eparchia di Sokal-Zhovkva, eretta per smembramento dell’Arcieparchia di Lviv e dell’Eparchia di Ternopil.

Il Santo Padre ha dato la Sua benedizione al trasferimento effettuato a norma dei canoni dal Sinodo dei Vescovi della Chiesa Ucraina di S.E. Mons. Mychajlo Koltun, C.Ss.R., dalla sede vescovile di Zboriv, già unita a Ternopil, alla sede vescovile di nuova creazione di Sokal-Zhovkva.

○ S.E. Mons. Mychajlo Koltun, C.Ss.R.

S.E. Mons. Mychajlo Koltun è nato il 29 marzo 1949 in Polonychi, nell'Arcieparchia di Lviv degli Ucraini. Dopo le scuole elementari egli ha frequentato l'Istituto Tecnico per i meccanici di Lviv ( 1963-1969). Compiuto il servizio militare (1969-1972), ha lavorato in un'azienda a Lviv.

L'8 novembre 1974 è entrato nel noviziato della Congregazione del Santissimo Redentore. Dal 1975 al 1981 ha compiuto la formazione filosofica e teologica con i Padri Redentoristi nel seminario clandestino. L'8 novembre 1981 ha emesso la professione religiosa nella Congregazione del Santissimo Redentore. È stato ordinato sacerdote il 13 dicembre 1981. Dal 1989 fino alla sua nomina a Vescovo nel 1993 ha lavorato nella parrocchia dell'Ascensione a Lviv. Il 25 novembre 1990 è stato nominato Vice-Provinciale della Provincia di Lviv dei Redentoristi. Il 20 aprile 1993 è stato nominato Vescovo di Zboriv, e ha ricevuto l’ordinazione episcopale il 19 settembre 1993. Il 13 novembre 1996 egli è stato trasferito alla sede dell'Esarcato di Kyiv-Vyshorod, e il 7 novembre 1997 di nuovo alla sede eparchiale di Zboriv.

○ Dati statistici sull’Eparchia di Sokal-Zhovkva

L'Eparchia di Sokal-Zhovkva viene eretta per smembramento dell'Arcieparchia di Lviv degli Ucraini e dell'Eparchia di Ternopil.

Per sede viene designata la città di Sokal. La superficie è di 6.991 kmq. La popolazione conta 531.700 abitanti, dei quali 342.709 greco-cattolici. L'Eparchia ha 14 decanati, 322 parrocchie, 194 sacerdoti e 9 case religiose.

[02037-01.01]